Attualità

Il video dell'uomo con il coltello e l'ostaggio fermato dalla polizia nel Duomo di Milano

neXt quotidiano|

In questo video pubblicato dalla Polizia di Stato sul suo profilo Twitter è possibile vedere gli agenti intervenuti per fermare nel Duomo di Milano un 26enne egiziano che, alle 13 di ieri, è entrato armato nel Duomo e per otto minuti ha sequestrato una guardia giurata, minacciata alla gola da una lama di venti centimetri. Il Corriere della Sera oggi spiega che l’esperienza di un funzionario della Questura, che ha condotto la trattativa e ha disarmato l’uomo, in possesso di un regolare permesso di soggiorno di lunga durata, con abitazione e lavoro, ha impedito che l’irruzione, iniziata sui gradini della cattedrale, degenerasse.

Il 26enne, che in sede di interrogatorio ha farneticato raccontando d’avere una camera da letto nel Duomo e d’esser lì diretto per riposare, stava per appunto seduto sugli scalini. Con un atteggiamento sospetto, secondo due agenti di pattuglia. Si sono avvicinati. Senonché lui di colpo si è alzato, è corso verso l’ingresso della cattedrale, si è aperto un varco a calci nella rete di recinzione, ha spintonato una prima guardia giurata e si è introdotto, inseguito da un secondo vigilante. Il quale, in considerazione del fatto che stavano arrivando sia i due poliziotti sia altri quattro colleghi di rinforzo, avrebbe dovuto cedere il governo dell’operazione. Invece ha cercato di braccare il 26enne, in prossimità dell’altare: l’altro ha estratto il coltello, l’ha minacciato di morte, infine l’ha obbligato a inginocchiarsi. L’inchiesta della Digos è coordinata dal pm Alberto Nobili.

video uomo con coltello duomo

Il video, che è possibile vedere nella sua interezza qui, mostra gli agenti che prima parlano con il cittadino egiziano per convincerlo a buttare a terra il coltello, si avvicinano a lui e lasciano addirittura a terra le loro armi per non farlo sentire minacciato e tranquillizzarlo, fino a quando uno degli agenti non si avvicina abbastanza per bloccarlo: a quel punto intervengono anche gli altri e lo disarmano. L’intervento è perfetto e lucido e riesce nell’intento di gestire la situazione con intelligenza senza mettere in pericolo l’incolumità di nessuno dei protagonisti.

Leggi anche: Quando Elena Murelli diceva: «Abbiamo accettato l’elemosina dei 600 euro»