Politica

«In Italia c’è un governo euroscettico e xenofobo»

moscovici renzi

Come gli ungheresi “anche gli italiani hanno optato per un governo decisamente euroscettico e xenofobo che, sulle questioni migratorie e di bilancio, sta cercando di sbarazzarsi degli obblighi europei”: così il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici secondo quanto si legge nel testo, diffuso alla stampa, del suo intervento ad una conferenza presso la sede di Parigi dell’Ocse.

«In Italia c’è un governo euroscettico e xenofobo»

Rispondendo a una domanda sulle possibili modifiche nella manovra italiana Moscovici ha ribadito che si tratta di “un inizio”, un “primo segnale positivo”. E però – ha avvertito – “dobbiamo procedere tappa per tappa: aspettiamo per il 15 ottobre il progetto di bilancio italiano come quello degli altri Paesi della zona euro”. Dopodiché, ha proseguito, “avremo un dialogo con il governo italiano sulla base di numeri dettagliati, non solo al livello del deficit ma anche del deficit strutturale che è più importante, la traiettoria di crescita, la traiettoria di debito”.

sanzioni russia conte società civile export import salvini di maio - 5

“La Commissione Ue – ha aggiunto – è presente per far rispettare le regole, regole che non sono stupide, regole che assicurano che un debito importante come quello italiano, come anche i debiti pubblici degli altri Paesi, siano sotto controllo. Faremo rispettare queste regole – ha avvertito – Con lo spirito del dialogo ma anche nel tentativo di evitare due scogli: il primo è una crisi tra Roma e Bruxelles, che sarebbe assurda, l’Italia è un grande Paese membro della zona euro. Quanto al secondo, far crescere il debito italiano non è nell’interesse dell’Italia né della zona euro. Per tutto questo – ha concluso Moscovici – nostro compito è fare in modo che le regole vengano rispettate”.

Leggi sull’argomento: Deficit al 2,4%, il governo cede allo spread