Fatti

Italia-Austria: Azzurri inginocchiati? Cosa ha detto Bonucci (e cosa è successo durante la riunione)

neXt quotidiano|

italia austria calciatori inginocchiati cosa è stato deciso bonucci

I calciatori della Nazionale inginocchiati per il Black lives matter? Ieri sembrava sicuro che gli Azzurri non avrebbero manifestato il loro impegno contro il razzismo. Bonucci in conferenza stampa ha spiegato che ci sarebbe stata una riunione per decidere cosa fare. E…

Italia-Austria: Azzurri inginocchiati? Cosa ha detto Bonucci (e cosa è successo durante la riunione)

“Quando torniamo in hotel la squadra si riunirà e decideremo tutti assieme cosa fare domani”, ha spiegato il difensore azzurro Leonardo Bonucci a una domanda in conferenza stampa a Londra sul comportamento che gli azzurri adotteranno stasera a Wembley prima del match contro l’Austria in relazione all’opportunità o meno di inginocchiarsi aderendo alla protesta per il ‘Black lives matter’. Una risposta che è arrivata dopo uno scambio abbastanza teso tra il responsabile della comunicazione federale e Donatella Scarnati, che aveva posto la domanda: “Leonardo, allora che cosa avete deciso per quanto riguarda il Black Lives Matter?”. Il responsabile ha provato a evitare la questione riportando il tema sulla partita, “Scusami Donatella, noi stiamo parlando di Italia-Austria, domani giochiamo l’Europeo, quindi se avete domande sulla partita, siamo disponibilissimi…”, mentre l’inviata si lamentava del fatto che era stato annunciato che durante la conferenza stampa se ne sarebbe parlato. Poi la risposta di Bonucci e in seguito quella di Mancini. Anche il CT della Nazionale ha provato a dribblare il tema, evidentemente spinoso per tutti: “Inginocchiarsi prima della partita contro l’Austria? Non vorrei parlarne, e comunque, io resto per la libertà”.

Cosa è successo dopo? Secondo quanto scrive il Corriere durante la riunione sarebbe emerso che i giocatori non hanno intenzione di inginocchiarsi. La maggior parte di loro non sono d’accordo con questo tipo di protesta. Ma c’è un però. Nel caso in cui l’Austria decida di farlo potrebbe esserci una deroga. Ieri il capitano dell’Austria, David Alaba è stato cristallino: “Inginocchiarsi è un segnale chiaro. Lo faremo un’altra volta contro l’Italia. Siamo tutti d’accordo e ripeto: questo è un segnale per attirare l’attenzione di tutti su questo argomento. Sicuramente si parla di più di razzismo ed è qualcosa di positivo”. Cosa succederà quindi prima del fischio d’inizio? Quello che è certo è che l’arbitro Taylor non è stato ancora avvertito. Né dall’Italia né dall’Austria. Ma per farlo c’è tempo, fino ad un’ora prima dell’inizio della partita. Questa indecisione però un risultato lo ha già ottenuto. L’Italia non ha fatto certo una bella figura.