La macchina del funky

Il taglio del bonus trasferta per i consiglieri che lavorano online in Toscana? Poche decine di euro

Nel caso peggiore il taglio del bonus trasferta per i consiglieri regionali in Toscana che hanno lavorato su Zoom sarà di 75 euro, racconta il Fatto. Gli eletti nel consiglio che risiedono più lontano da Firenze riceveranno un rimborso di 1425 euro anziché di 1500

rimborsi trasferta toscana

Nel caso peggiore il taglio del bonus trasferta per i consiglieri regionali in Toscana che hanno lavorato su Zoom sarà di 75 euro, racconta il Fatto. Gli eletti nel consiglio che risiedono più lontano da Firenze riceveranno un rimborso di 1425 euro anziché di 1500:

Il taglio – circa 40mila euro al mese per i 41 consiglieri toscani – è pari solo al 5% della quota variabile dei rimborsi spese. La riforma alla legge regionale del 2009, infatti, prevede che il gettone non sarà erogato solo nel caso in cui si dovesse ripetere lo scenario di marzo e aprile scorso in cui tutta Italia era in lockdown e anche le istituzioni lavoravano integralmente via Zoom: insomma, nel caso in cui tutti i consiglieri seguano le sedute da casa. Un’ipotesi che difficilmente si ripeterà. Come prevede l’articolo 7 bis, invece, nel caso in cui il Consiglio regionale sia “ibrido”(me -tà in presenza, metà da remoto per rispettare le distanze di sicurezza) i consiglieri che lavoreranno da casa avranno una riduzione del gettone minima pari al 5%. Visto che i rimborsi forfettari variano in base alla distanza da Palazzo Panciatichi, gli eletti che finiranno per intascare di più saranno quelli con la residenza all’Isola d’Elba, Massa e Grosseto: 1.500 euro al mese che con il nuovo regime diventeranno 1.425. Il taglio massimo è di 75 euro. Un’ine -zia considerando che, a seconda della carica, gli stipendi mensili vanno da 12 a 15 mila euro