Politica

Il secondo tragico Salvini su Trump

Nei commenti è il solito massacro: “Soleimani ha difeso i cristiani molto più di quanto non lo abbia fatto nessun altro. Cambia consiglieri per gli esteri, i looney tunes non sono adeguati”

salvini soleimani trump

«Fra, da un lato, l’estremismo e la violenza islamica e, dall’altro, la libertà, non ho dubbi su cosa scegliere: sempre e comunque la libertà, la pace, il rispetto dei diritti umani e dei nostri valori cristiani»: con momenti di vero e proprio pathos grammaticale, oggi arriva il secondo endorsement di Matteo Salvini nei confronti di Donald Trump su Facebook, dopo quello di ieri che ha suscitato un bailamme nei commenti.

Il secondo tragico Salvini su Trump

Il Capitano ci deve tenere davvero tanto a riguadagnare un posto in prima fila tra gli alleati del presidente degli Stati Uniti dopo che quest’ultimo l’ha scaricato in seguito alla crisi di agosto e all’applauso a “Giuseppi”. E poco importa se così si mette di traverso rispetto all’altro grande alleato, Vladimir Putin. Ma nei commenti è di nuovo un massacro, anche perché il sovranismo alle vongole del Capitano ne esce francamente penalizzato: “Mi dispiace, ma dopo ieri il mio voto non sara’ piu’ per te! Ricorda che il generale che ieri e’stato ucciso per mano degli americani e dallo stato d’israele, ha combattuto contro l’isis e i loro tagliagole di cristiani”, dice Claudio; “Dov’è la tua carità cristiana?sai che il Vangelo dice di porgere l’altra guancia?”, gli chiede Marcello.

salvini trump

E non finisce qui: “U$A portatori di libertà e rispetto dei popoli. Proprio un bel discorso da Sovranista telecomandato da Washington. Almeno fatevi chiamare Statiunizzati e non Sovranisti”, nota Augusto; e infine c’è Lucio: “Soleimani ha difeso i cristiani molto più di quanto non lo abbia fatto nessun altro. Cambia consiglieri per gli esteri, i looney tunes non sono adeguati”.

Leggi anche: Come Travaglio e Grasso fanno a pezzi la difesa di Salvini sulla Gregoretti