Economia

Il ritorno del bonus cultura

Una Carta elettronica del valore di 500 euro, utilizzabile per acquistare biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografi che e spettacoli dal vivo, libri, musica registrata, biglietti per musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche e parchi naturali nonché per sostenere i costi relativi a corsi di musica

carta docente amazon bonus cultura

Dopo i problemi di inizio anno torna il bonus cultura. Scrive Italia Oggi che nella Gazzetta Ufficiale numero 41 di ieri è stato pubblicato il decreto del ministero dei beni culturali (Mibact) 24/12/2019, n. 177 «Regolamento recante i criteri e le modalità di attribuzione e di utilizzo della Carta elettronica, prevista dall’articolo 1, comma 604, della legge 30 dicembre 2018, n. 145».

Entrerà in vigore il 5 marzo prossimo, è finanziato con 240 milioni di euro e replica analoghe misure già realizzate negli anni 2016, 2017 e 2018 con una apposita piattaforma informatica dedicata (beneficiari e beni acquistabili con la Carta elettronica sono i medesimi già previsti negli anni precedenti e regolati dal dpcm 15 settembre 2016, n. 187, con la sola integrazione dei prodotti dell’editoria audiovisiva tra i beni acquistabili).

La Carta è realizzata in forma di applicazione informatica (18app), utilizzabile tramite accesso a internet, richiede la registrazione dei benefi ciari tramite Spid, il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese e prevede la generazione di buoni di spesa elettronici associati a un acquisto di un bene o servizio. Interessati sono coloro che hanno compiuto 18 anni nel 2019, che potranno utilizzare la Carta entro il 28 febbraio 2021.

bonus cultura
Il bonus cultura (Italia Oggi, 20 febbraio 2020)

 

Le imprese e gli esercizi commerciali, le sale cinematografi che, da concerto e teatrali, gli istituti e i luoghi della cultura e i parchi naturali, le altre strutture ove si svolgono eventi culturali o spettacoli dal vivo, presso i quali è possibile utilizzare la Carta sono inseriti, a cura del Mibact, in un apposito elenco, consultabile su www.18app.italia.it/. Il Mibact vigila sul corretto funzionamento della Carta e può provvedere, in caso di eventuali usi difformi o di violazioni delle norme, alla disattivazione della Carta di un beneficiario o alla disattivazione di un esercizio ammesso in precedenza.

Leggi anche: Come si è inceppato il bonus cultura