Attualità

Il presepe «immigrazionista» di Padova distrutto

neXt quotidiano|

presepe immigrazionista padova fatto a pezzi

Lo chiamavano il presepe «immigrazionista» di Padova perché raffigurava Giuseppe e Maria che attendevano l’arrivo del Bambin Gesù all’interno di un gommone. Ieri notte, fa sapere il Mattino, il gommone è stato fatto a pezzi.

Il presepe «immigrazionista» di Padova distrutto

Sui social network la decisione di costruire il presepe “immigrazionista” era stata spesso criticata: “Che si vergogni il parroco di questa chiesa.. il solito moralista del ca..o che distrugge le nostre tradizioni…”, si scriveva; il tutto è accaduto a Sant’Ambrogio di Trebaseleghe, un comune della provincia di Padova. Il Consiglio Pastorale, nelle messe festive, ha spiegato che il messaggio era riferito non solo ai migranti ma anche a tutti coloro che soffrono.

presepe immigrazionista padova fatto a pezzi

Non risulta, al momento, che la parrocchia abbia presentato denuncia, ma le indagini partiranno ugualmente poiché quello compiuto rientra nella fattispecie di danneggiamenti contro manifestazioni della pubblica fede esposti, un reato perseguibile dunque d’ufficio. Il dispositivo dell’articolo 635 del Codice Penale, che descrive i delitti contro il patrimonio mediante violenza alle cose o alle persone, parla chiaro: «Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose di interesse storico o artistico ovunque siano ubicate… è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni».

Leggi anche: La strana storia della donna aggredita da due “sardine” durante il comizio di Salvini ad Ancona