Opinioni

Il piccione di Cracco finisce archiviato

Sembra destinata a finire in archivio la denuncia presentata da un associazione animalista, l’Aidaa, contro Carlo Cracco che lo scorso gennaio, durante una puntata di Masterchef aveva cucinato un piccione. La Procura di Milano, infatti, secondo quanto riporta il quotidiano Il Giorno, ha chiesto l’archiviazione del procedimento sulla scorta del fatto che la normativa tutela il piccione selvatico e non quello d’allevamento che non gode di una particolare protezione, esattamente come fatto notare all’epoca.
cracco piccione masterchef denuncia
La denuncia degli animalisti era per istigazione a delinquere in quanto lo chef avrebbe potuto spingere “altri cittadini a compiere tali crimini in violazione delle normative europee e nazionali in materia di fauna selvatica”. Nei giorni successivi alla trasmissione, una quindicina di persone, che si erano definite ‘vegani’, aveva manifestato davanti al ristorante di Cracco, a Milano al grido di ‘è un assassino perché cucina animali’. Il gruppo aveva lanciato slogan per una decina di minuti e se n’era andato prima dell’arrivo della Polizia.

Leggi sull’argomento: Chi ha incastrato il piccione di Carlo Cracco?