Fatti

Il MoVimento 5 Stelle scopre che le Unioni Civili sono incostituzionali

Si è conclusa oggi pomeriggio in Commissione Giustizia della Camera la discussione generale sulle unioni civili, che ha visto un interessante dietrofront di Ncd e M5s rispetto al testo votato al Senato sul quale i grillini non presentarono emendamenti e gli alfaniani votarono la fiducia. Oggi i due gruppi hanno chiesto modifiche al testo per la parte che riguarda le convivenze di fatto. Le modifiche, ovviamente, se approvate porterebbero di nuovo il testo al Senato per una nuova approvazione, che la volta scorsa è arrivata dopo due anni di iter.

Il MoVimento 5 Stelle scopre che le Unioni Civili sono incostituzionali

Ieri, nell’assemblea congiunta dei 5 Stelle di Camera e Senato finita in tarda serata, il deputato Alfonso Bonafede, che in commissione Giustizia segue il provvedimento per il Movimento, a quanto si apprende avrebbe sollevato dubbi su un passaggio della legge che la metterebbe a rischio costituzionalità. Non solo. Secondo Bonafede, legale siciliano, ci sarebbero altri grovigli tecnici da districare nel provvedimento. Così se al Senato i 5 Stelle non avevano presentato alcun emendamento per agevolare la strada al ddl, alla Camera si prospetta tutt’altro: “emendamenti mirati e migliorativi – ha chiarito Bonafede ai colleghi – ad un testo di compromesso che è frutto dell’inciucio Renzi-Alfano-Verdini e che così com’è presenta più di un problema”. Bonafede, nello specifico, si è soffermato su una norma contenuta nel comma 36 dell’articolo 1 del ddl che prevede l’obbligo di alimenti per i conviventi di fatto, siano essi etero o omosessuali. E il ddl Cirinnà se da un lato introduce le unioni civili con registrazione davanti ad un pubblico ufficiale e la presenza di due testimoni, dall’altro prevede anche le convivenze di fatto per le quali serve semplicemente avere la stessa residenza. “Così – avrebbe spiegato Bonafede ai colleghi – uno studente universitario potrebbe addirittura ritrovarsi a pagare gli alimenti. Inoltre va garantito uno spazio di libertà in cui due persone che convivono e che hanno deciso di non sposarsi non devono essere obbligate agli alimenti in caso di separazione”. Di segno opposto Alessandro Pagano, di Ncd, secondo il quale le convivenze di fatto sono discriminate rispetto alle coppie omosessuali. Queste ultime godranno della reversibilità della pensione, dello stesso regime successorio del matrimonio, mentre per le coppie di fatto non c’è nulla di questo. Ma ancora nell’assegnazione delle case popolari le unioni civili saranno equiparate al matrimonio, ma non sarà così per le coppie di fatto: eppure in esse ci sono più bambini che non nelle coppie gay.

alberto airola unioni civili
Lo stamp pubblicato su Facebook dalla pagina Diritti Democratici

Alberto Airola scopre l’incostituzionalità delle Unioni Civili

La parte più divertente della storia è la scoperta dell’incostituzionalità della legge da parte di Alberto Airola. Il senatore aveva accusato i giornalisti che raccontavano delle divisioni interne ai grillini di essere servi, e poi aveva dovuto ingoiare la libertà di coscienza sulla SA decisa da Beppe Grillo e Casaleggio nonostante il voto del blog a favore dell’intera legge. Successivamente aveva assicurato via sms alla Cirinnà il voto del suo gruppo al “canguro” che avrebbe eliminato gli emendamenti ostruzionistici, e si era poi smentito in Aula annunciando voto contrario dopo che la Lega ne aveva ritirati un buon numero. Infine, in un discorso con voce impostata e toni da uno che la sapeva lunga, aveva spiegato che la legge, così com’era (ovvero senza Stepchild Adoption) era troppo morbida perché ci voleva l’uguaglianza piena dei diritti, concludendo l’intervento con un bell’«andate a fanculo» (wow, gliele hai cantate!1!).

Oggi rispondendo a un commento su un suo status su Facebook Airola ha invece scoperto che quella legge a cui lui aveva lavorato con Monica Cirinnà per anni e che aveva analizzato e corretto ed emendato insieme ai suoi colleghi di partito per votarla insieme al PD a patto che ci fosse la stepchild adoption su cui il M5S ha successivamente deciso per la libertà di coscienza, è incostituzionale. Non solo: dopo la risposta e la polemica successiva il senatore ha cancellato la sua risposta e bannato tutti gli utenti che gli facevano notare la leggera incoerenza.  Parlando con l’agenzia di stampa AGi il deputato Bonafede ha precisato meglio la (nuova) posizione del partito di Grillo e Casaleggio: “Noi – spiega – ci battiamo per le unioni civili però ci rendiamo conto che questo testo è frutto di un compromesso Renzi-Verdini-Alfano”. Quindi, a nome dei parlamentari 5 Stelle che ieri sera hanno iniziato a confrontarsi sull’argomento in assemblea congiunta, promette: “Ci battiamo per migliorare il ddl da lacune che sono molto gravi”. Criticita’, viene spiegato, che metterebbero il ddl a rischio costituzionalità. E se non vi sta bene, viene da aggiungere, andate tutti affanculo (cit.).