Politica

“Renzi buffone!”: il contestatore che strilla mentre Conte parla perché ha capito male

Sarà crisi? Lasciando per un attimo da parte quello che accadrà godiamoci la scenetta di un contestatore che urla a squarciagola “Renzi buffone, hai rotto i cogli…” imperterrito perché non ha capito che dietro la mascherina c’è il premier e non il leader di Italia Viva

contestatore conte renzi buffone video

Nella confusione e nell’incertezza estrema di queste ore in cui non si è ancora capito se ci sarà la crisi di governo, se le ministre di Italia Viva si dimetteranno o no, poco fa il presidente del Consiglio Conte ha parlato con i giornalisti dopo il suo incontro con Sergio Mattarella: lasciando per un attimo da parte quello che accadrà godiamoci la scenetta di un contestatore che urla a squarciagola “Renzi buffone, hai rotto i cogli…” imperterrito perché non ha capito che dietro la mascherina c’è il premier e non il leader di Italia Viva

Il governo va avanti solo se e’ sostenuto da tutta la maggioranza. Ovvero, compresa Italia viva. Il giorno dopo dell’ultimatum lanciato da palazzo Chigi a Matteo Renzi (“Se si assumera’ la responsabilita’ di una crisi di governo in piena pandemia, sara’ impossibile rifare un nuovo esecutivo con il sostegno di Iv”), il presidente del Consiglio sembra voler gettare acqua sul fuoco e, dopo un colloquio al Quirinale con il Capo dello Stato, concedendosi una passeggiata in via del Corso, risponde alle domande dei giornalisti (con tanto di assembramento) e scandisce: “Il governo puo’ andare avanti solo con il sostegno della coalizione di maggioranza, di tutte le forze di maggioranza, di ciascuna forza di maggioranza”, ripete piu’ volte. E aggiunge: “Io quello che posso auspicare e’ che tutti quanti si possa lavorare in modo costruttivo, perche’ sicuramente una crisi non sarebbe compresa dal Paese”. Non solo, Conte smentisce anche di essere a ‘caccia’ dei responsabili: “Il governo deve avere una solida maggioranza, occorre solidita’. Non puo’ prendere un voto qua e la’, Iv sa che ogni volta che ha posto problemi in modo costruttivo troveranno sempre in me massima disponibilita’”. Il premier quindi apre a un tavolo con i leder: “Confido che tutti ci si possa ritrovare attorno a un tavolo, se c’e’ la volonta’ e la disponibilita’ a confrontarsi in modo leale e costruttivo”. Il presidente del Consiglio poi spiega di augurarsi che “non si arrivi” alle dimissioni delle ministre di Iv, “anche perche’ gia’ in questi giorni sto lavorando per definire una proposta per una patto di legislatura, un patto di fine legislatura