Fatti

Il consigliere comunale di Trieste (eletto con la Lega) che vuole "picchiare" Fedez

@neXt quotidiano|

Tuiach

Il suo linguaggio violento (e che strizza l’occhio al classico odio di ambienti di estrema destra) ha costretto la Lega a espellere Fabio Tuiach dal partito nel 2017, ovviamente dopo aver sostenuto la sua candidatura e averlo reso un personaggio attivo nella politica triestina. Dal giorno del suo allontanamento forzoso dal Carroccio, il Consigliere Comuna di Trieste non ha modificato il suo spartito e – soprattutto quando si parla di diritti civili per la comunità LBGT – la sua dialettica trascende in amenità violente e volgari. L’ultimo a finire nel mirino dell’ex pugile è stato Fedez, reo di essere uno dei principali sostenitori social del ddl Zan.

Tuiach il consigliere di Trieste che minaccia Fedez e vuole picchiarlo

“Fedez non è la mia categoria di peso, ma lo prenderei ugualmente a sberle – si legge in un post pubblicato sui social – per non sbagliare e magari poi diventa un influencer in Cristo. A sedici anni ho fatto a botte con un mio coetaneo che era un bullo e prometteva molto male, ma dopo la lezione che gli ho dato davanti alla sua compagnia di bulletti ha cambiato vita e forse gliel’ho salvata, perché stava cadendo nell’eroina ed ora è un bravo ragazzo e siamo amici. Un cartone nei denti a volte salva la vita”.

Insomma, Tuiach vorrebbe picchiare Fedez per “educarlo” e magari diventarci amico come successo quando aveva 16 anni. A parte la narrazione strappalacrime, il consigliere di Trieste ha superato – ancora una volta – il limite della decenza dialettica. Non è nuovo a uscite simili e, questa volta, il diretto interessato ha risposto su Instagram. Il rapper, però, ha commesso un “errore”: non si tratta di un consigliere leghista, ma di un consigliere ex Lega. Perché dal 2017 anche il Carroccio – dopo averlo fatto “diventare un pericolo” – si è accorto di quella scheggia impazzita chiamata Tuiach.