Fatti

I leoni da tastiera che festeggiano perché Mahmood è rimasto senza casa (insieme a 70 famiglie)

Dopo esserci accertati che non ci fossero vittime, “simpatici” utenti del web hanno pensato bene di scherzare sui fatti accaduti a Mahmood

mahmood incendio milano

Esistono delle cose che non si spiegano, come l’ironia sulle tragedie: vedi il caso Mahmood, gente che in qualche misura è riuscita a ridere della perdita avuta dal cantante rispetto all’incendio di via Antonelli.

La notizia è partita dopo il video di Morgan, residente di un palazzo situato davanti alla Torre dei Moro.

Nei frame dal valore molto emotivo, Morgan lancia un appello: “Qualcuno senta Mahmood, abita lì dentro. Informatevi se sta bene, sta male o era dentro casa”. Nelle ore successive è Beppe Sala, sindaco di Milano, ad annunciare che la tragedia non ha portato nessuna vittima con se. Ma ben 70 famiglie sono state evacuate, con grande disagio nel breve termine e con il grande interrogativo, ancora senza risposta, di come recuperare un’abitazione. Allora ci sono tutte le condizioni per quello che qualcuno chiama black humor, in questo caso lo si può definire: ironia dei pavidi.

I leoni da tastiera che festeggiano per la disgrazia Mahmood, ecco la solita danza dei pavidi. La reazione dei social

Esiste un dark side of the moon sui social network, è chiaro ormai da tempo. Negli anni è stato augurato ogni male a chiunque, dal Papa a Liliana Segre.

Poi però esiste il resto. Tutti quelli che invece riservano le giuste parole ai famosi leoni da tastiera. Mahmood non ha ancora postato nulla sui social, ma i suoi fan (e non probabilmente) lo hanno difeso a spada tratta. Nonostante le parole di qualche audace cronista che ritiene di aver conquistato i suoi cinque minuti di superba ironia.

Per fortuna le brave persone sono sempre di più, esiste la cosiddetta maggioranza rumorosa. I leoni da tastiera. E le persone sempre migliori, quelle che conoscono i confini.