La macchina del funky

I deputati del Sud in soccorso di Salvini

Dopo l’addio di Flavio Tosi il gruppo leghista alla Camera è a rischio, visto che alcuni parlamentari potrebbero seguire fuori dalla Lega il sindaco di Verona. E allora, ci fa sapere oggi Repubblica, è pronto il soccorso che dovrebbe coinvolgere deputati del sud e grillini:

In ogni caso, sono già partite le grandi manovre dei leghisti per sostituire i “ribelli”.Come? Con i parlamentari delCentro Sud che si stanno avvicinandoal movimento “Noi conSalvini”. A rivelarlo è Angelo Attaguile, coordinatore del movimento:« Sì, alcuni amici nei prossimi giorni potrebbero passare nel nostro gruppo alla Camera». Fra questi l’ex portavoce di Ncd Barbara Saltamartini, eletta prima in Sicilia e poi nel Lazio. Ma Attaguile aggiunge che «il dialogo è avviato con diversi ex grillini. Anzi, non solo ex. Salvini sta vagliando tutti i nominativi». I nomi, in questo caso, sono top secret.

#maiconsalvini matteo salvini
Di certo, nei giorni scorsi c’è stata una cena fra deputati leghisti e alcuni fuoriusciti di M5S:

«Io non so se esista una trattativa.Di certo – dice il senatore Francesco Campanella, uno degli epurati da Grillo – nei confronti di alcuni di noi c’è un intenso corteggiamento. Ai limiti dello stalking». Gli espulsi “tosiani” rimpiazzati dagli espulsi di 5 stelle. Questa la strategia di Salvini? Si capirà di più nei prossimi giorni. E se il segretario per ora tace, sull’altro fronte è di poche parole anche Flavio Tosi. Il quale, dopo aver rotto gli indugi sulla sua candidatura, dovrà districareanche il nodo delle alleanze. Potrebbe correre da solo o con l’Ncd tagliato fuori dallo schieramento pro-Zaia. «Io – dice il sindaco – sto lavorando per una vera alternativa di centrodestra, anche se è difficile. Sarebbe assai stranose cercassi intese con la sinistra». In questo clima si avvicina il giorno della verità. Con l’ultima frecciata di Tosi: «Il mio attuale sentimento verso Salvini? Disistima. Se lo incontrassi per strada non gli stringerei la mano».