Opinioni

Il più grande monumento comunista ancora in piedi

Il monumento del Buzludzha è considerato alla stregua di un santuario per i comunisti bulgari. La sua costruzione ha richiesto la bellezza di sette anni, ed è stato inaugurato nel 1981, in occasione del milletrecentesimo anniversario della nascita dello Stato bulgaro. La montagna Buzludzha è un picco storico che si trova al centro dei Balcani ed è alto 1441 metri. Nel 1868 è stato il teatro della battaglia finale tra i ribelli bulgari guidati da Hadji Dimitar e Stefan Karadzha e l’Impero Ottomano. Il monumento del Buzludzha si trova sulla cima ed è stato costruito dal regime comunista bulgaro per commemorare gli eventi del 1891, quando i socialisti guidati da Dimitar Blagoev formarono il Partito Socialdemocratico Bulgaro, che poi diventò Partito Comunista. Abbandonato dopo il 1989, lo Stato bulgaro non si occupa più della sua manutenzione. Come una cattedrale nel deserto quindi il più grande monumento comunista del paese è finito abbandonato, vandalizzato e distrutto in più parti. Qualche anno fa l’ingresso è stato chiuso e inibito al pubblico. (Le foto sono tratte da Weezbo)