Politica

Emergenza, il governo rinvia le elezioni comunali. Eppure i sovranisti volevano anticipare le politiche

In Calabria e nei oltre mille Comuni italiani si andrà al voto tra il 15 settembre e il 15 ottobre 2021

governo quirinale giuramento

Lo ricordiamo tutti: “Se cade il governo Conte, che si vada a elezioni. Votano in tutto il mondo, voteremo anche noi nei in oltre mille comuni e in Calabria”, dicevano Matteo Salvini e Giorgia Meloni. E quindi: “Si può votare per il Parlamento e lo si può fare in sicurezza”. Ci hanno provato in tutti i modi a fagli capire che non fosse una soluzione possibile né pensabile. Milioni di italiani nelle scuole d’Italia a indicare le loro preferenze per eleggere i parlamentari: sembrava follia, ma loro non capivano, e chiedevano a gran voce di andare alla urne (essendo sicuri di vincere e formare un loro governo). Eppure oggi il consigli dei ministri con a capo Mario Draghi – e di cui lo stesso partito di Salvini fa parte – ha deliberato, dicendo in sostanza che non ci sono le condizioni: “Non si voterà”, le elezioni previste per la primavera salteranno. A quando? Non si sa: la finestra per la Calabria e per gli oltre mille Comuni è quella che va dal 15 settembre al 15 ottobre.

Elezioni rinviate, cosa ne pensa l’Anci

“Noi, per ora, ci aspettavamo uno slittamento a giugno, perché capiamo che adesso non ci sono ancora le condizioni per andare a votare nei Comuni; in realtà, credo che il Governo farà una scelta tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre: è molto probabile che si voterà ai primi di ottobre”. E’ quanto prevede Antonio Decaro, presidente dell’Anci, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani, nel suo intervento a ‘Time Line’ su SkyTg24.

L’obiettivo è “arrivare in una situazione in cui sicuramente il contagio si sarà abbassato, perché verremo fuori dal periodo estivo quando si abbassa la contagiosità, come abbiamo visto la scorsa estate, anche in quanto viviamo più all’esterno che all’interno e quindi si riducono le occasioni per contagiarsi. E contemporaneamente, la campagna vaccinale avrà coperto buona parte della popolazione”, spiega Decaro.