Opinioni

Gli scherzi al telefono (con bufala) di Matteo Salvini

dipocheparole|

undefined

Matteo Salvini dev’essere proprio un mattacchione. Da un po’ di tempo sulla sua pagina Facebook ha infatti preso l’abitudine di pubblicare numeri di telefono e di chiedere ai suoi piccolifanz di chiamare per farsi sentire contro il nemico del giorno. Oggi è il turno della prefettura di Venezia, colpevole di aver «proposto ai cittadini di mettere a disposizione i loro immobili e appartamenti, per ospitare immigrati, ottenendo in cambio fino a 35 euro al giorno».
matteo salvini prefettura
 
Solo che c’è un problema. Come è possibile notare nel comunicato pubblicato sul sito della prefettura di Venezia, la prefettura non ha chiesto ai cittadini di mettere a disposizione immobili e appartamenti. Lo ha chiesto invece alla associazioni locali di Confindustria, Confedilizia, Confartigianato, Confesercenti e all’Associazione dei Piccoli Proprietari. E ha chiesto immobili come “capannoni non utilizzati”.
salvini bufala
 
La bufala è stata messa in giro da quei simpatici (si fa per dire) cazzari del Giornale on line, che parlano di privati senza specificare che si parla di associazioni private.
salvini bufala giornale