Attualità

Giuseppe Matarazzo: il pedofilo ucciso per vendetta

giuseppe matarazzo

Giuseppe Matarazzo, pastore di 45 anni, è stato ucciso a Frasso Telesino, paese del beneventano, nel luglio scorso. Era uscito di cella solo un mese prima: aveva scontato la pena a 11 anni e mezzo per violenze commesse su due ragazzine. Erano due sorelle, minori, e una di loro si tolse la vita nel 2008. La trovarono impiccata ad un albero, non lontano da casa.

Giuseppe Matarazzo: il pedofilo ucciso per vendetta

Le indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Francesco Sansobrino e dal procuratore capo di Benevento Aldo Policastro, ora confermano che si è trattato di un delitto su «commissione». I due arrestati, Generoso Nasta e Giuseppe Massaro, 30 e 55 anni, agirono su input: sicuri di non essere riconosciuti, perché entrambi provenienti da altre cittadine. E tra gli indagati — mancava evidentemente un quadro indiziario tale da consentire la misura cautelare — c’è anche il padre dell’adolescente che pagò la vergogna degli altri con la propria vita. I mandanti, insomma, secondo la ricostruzione fornita anche in conferenza stampa, «sono da individuare nell’ambito familiare di quella minore, rimasta due volte vittima». Ma «uno Stato di diritto non può tollerare la vendetta».

giuseppe matarazzo 1
Foto da: Repubblica Napoli

Nasta è accusato di aver fatto da autista e di aver fornito l’arma del delitto, la 357 Magnum detenuta legalmente (insieme ad un fucile). Massaro avrebbe fornito l’auto, una Croma, e partecipato all’ideazione del piano. Gli inquirenti stanno cercando l’esecutore materiale: e sono certi che anche l’uomo che ha fatto fuoco contro il pastore abbia agito a volto scoperto, forse anche per pronunciare qualcosa, o per guardarlo meglio in faccia.

I manifesti funebri di Giuseppe Matarazzo

Sui manifesti funebri Teresa Matarazzo, sorella di Giuseppe, aveva fatto scrivere a luglio un manifesto funebre in cui denunciava un presunto complotto ai danni del fratello:  “E’ morto atrocemente senza alcuna colpa. Infangare la memoria di un uomo rappresentano gli unici rimedi per lavare un presunto onore e o forse alleggerire le proprie colpe”.

Leggi sull’argomento: Leggendo il Paradiso di Dante