Attualità

Lo stalker di Giorgia Meloni

neXt quotidiano|

giorgia meloni video censurato Facebook - 1

Giorgia Meloni è vittima di uno stalker che ieri è stato fermato alla stazione Termini di Roma. La situazione stava diventando a rischio escalation quando, racconta oggi il Messaggero, sono intervenute le forze dell’ordine:

Lo stalker sarebbe sconosciuto al presidente di FdI. Si tratterebbe infatti di un uomo di origini campane che non ha mai incontrato e che le invia, senza sosta, messaggi attraverso diversi social network. Una situazione delicata che, data l’insistenza dell’uomo, ha comportato, inizialmente,alcune modifiche nello stile di vita della deputata. Lo stalker aveva invaso di messaggi l’esponente politico di centrodestra. Le faceva una serie di complimenti e insisteva per poterla incontrare in prima persona.

Una condizione intollerabile andata avanti per diverso tempo. Il presidente di FdI, all’inizio, non voleva segnalare l’uomo alle forze dell’ordine. La vicenda è poi degenerata. Perché il persecutore dalle parole è passato ai fatti. L’uomo, originario della Campania, riteneva di essere il padre della figlia della Meloni. Per questo motivo pretendeva di incontrare la Meloni per discutere della cosa. Le aveva inviato un messaggio anticipandole la sua visita nella Capitale. Si era convinto a tal punto da prendere un treno per Roma ed incontrare la deputata. A questo punto sono scattate tutte le misure a tutela della vittima.

giorgia meloni amazon braccialetto - 2

Gli agenti della polizia ferroviaria lo hanno atteso e identificato:

Una volta sceso dal treno all’uomo è stato chiesto il motivo del suo viaggio a Roma. Lo stalker sulle prime ha cercato di negare, poi gli è stato domandato se era venuto per incontrare la Meloni. L’uomo ha ammesso il motivo della sua visita ed è stato fatto risalire sul treno in direzione di casa. Ad oggi è sorvegliato speciale da parte della polizia ed è indagato per il reato di stalking.

Leggi anche: Lo spacciatore, il confidente, la rissa con gli americani: tutto quello che non torna nel caso del carabiniere ucciso