Attualità

Gioele era in auto la madre Viviana Parisi prima della scomparsa

Il video è importante perché a Sant’Agata di Militello, in provincia di Messina, a metà strada tra la sua casa di Venetico e le campagne di Caronia dove è  stata trovata morta, Viviana Parisi, ha trascorso 22 minuti la mattina del 3 agosto

viviana parisi scomparsa gioele piramide della luce

Il procuratore di Patti Angelo Cavallo ha detto oggi che Gioele Mondello era in auto con la madre quando Viviana Parisi è uscita dall’autostrada Palermo-Messina per recarsi a Sant’Agata di Militello: “Abbiamo acquisito un video a Sant’Agata di Militello – spiega il magistrato – in cui si vedono la mamme e il bambino. E’ un punto importante per il proseguo delle indagini”.

Gioele era in auto la madre Viviana Parisi prima della scomparsa

Il video girato da telecamere di videosorveglianza private a Sant’Agata di Militelo (Me) riprenderebbe chiaramente la presenza dell’opel Corsa di Viviana Parisi,43 anni, trovata morta nelle campagne di Caronia, come ha scritto oggi oggi la Sicilia. Ambienti giudiziari confermano la presenza del filmato che attesterebbe la presenza della donna in quei 22 minuti nel comune nebroideo, senza aggiungere nulla sul contenuto. Il video sarebbe stato ripreso da una telecamere di videosorveglianza private. Per gli investigatori conterrebbe “interessanti dettagli” del passaggio dell’Opel Corsa a Sant’ Agata di Militello. Non è dato sapere se l’importanza attribuita a questo nuovo elemento sia legata al “cosa” si vede o al “dove” il video è stato ripreso. Intanto proseguono per il decimo giorno consecutivo le ricerche del piccolo Gioele, 4 anni scomparso con la madre lo scorso 3 agosto, da parte di vigili del fuoco, protezione civile, carabinieri,polizia e finanza nelle campagne di Caronia e Sant’Agata di Militello (Me) e oggi alle 11.30 in prefettura ci sarà un vertice di tutte le forze impegnate per decidere le strategie di ricerca nei prossimi giorni.

viviana parisi scomparsa gioele piramide della luce

Il video è importante perché a Sant’Agata di Militello, in provincia di Messina, a metà strada tra la sua casa di Venetico e le campagne di Caronia dove è  stata trovata morta, Viviana Parisi, ha trascorso 22 minuti la mattina del 3 agosto. Tutte piste seguite dalla Procura che ha delegato le indagini alla squadra mobile di Messina. Anche quella per cercare di capire se qualcuno abbia seguito la donna da Sant’Agata di Militello in poi. Per questo la polizia sta visionando tutte le registrazioni dei sistemi di videosorveglianza del paese del litorale Tirrenico del Messinese. Ma fin’ora con risultati non proprio confortanti. Si cercano anche particolari che potrebbero essere sfuggiti sentendo e risentendo testimoni, familiari, amici e conoscenti. Alla ricerca di un elemento che possa dare una svolta all’inchiesta e, soprattutto, per riuscire a trovare Gioele. Sulle ricerche del bambino ambienti giudiziari ritengono “ingenerose le dichiarazioni dei familiari” su presunti ritardi o inattività. Secondo i soccorritori il terreno è stato diviso in zone quindi soltanto per casualità non è stata trovata subito. Ricerche che ancora continuano.

Leggi anche: L’autopsia di Viviana Parisi e le ferite compatibili con una caduta dall’alto