Fatti

Gianluigi Paragone annuncia che Di Maio non è più Capo Politico del M5S

neXt quotidiano|

«Ma perché dovete parlare di Di Maio come capo politico? Non ha più il potere del Capo Politico, ce l’ha solo scritto sul biglietto da visita»: Gianluigi Paragone, che ha votato no alla fiducia al governo Conte BIS e per le regole del MoVimento 5 Stelle dovrebbe essere espulso, prova disperatamente a farsi cacciare dal gruppo dei grillini anche in un’intervista ad Agorà, dove racconta che Giggetto non conta più nulla.

Gianluigi Paragone annuncia che Di Maio non è più Capo Politico del M5S

«Adesso c’è questo fan team di facilitatori, ora voglio vedere cosa accade rispetto alle sfide pratiche», aggiunge Paragone, che fa sapere che Di Maio «è un Capo Politico sul biglietto da visita». Paragone non ha votato la fiducia, così come Lello Ciampolillo, Michele Mario Giarrusso, Cataldo Mininno, Primo Di Nicola.

m5s voto di fiducia - 2

Violando così la regola che è contenuta nell’articolo 3 del codice etico del M5S dove vengono esposti gli obblighi per i portavoce eletti sotto il simbolo del MoVimento 5 Stelle. Non c’è alcun dubbio che la pretesa che gli eletti votino obbligatoriamente la fiducia non abbia alcun fondamento costituzionale. Ma la regola c’è e vale per il gruppo grillino.

Leggi anche: I cinque senatori M5S che non votano la fiducia a Conte (dovrebbero essere espulsi, ma…)