Opinioni

Come Giampaolo Giuliani «prevede» i terremoti

Giuliani dubita che gli imbecilli potranno mai comprendere i suoi grafici che prevedono i terremoti, ma tanto i dati sono già stati mandati agli esperti cinesi e americani, che imbecilli sicuramente non sono: avete mai visto uno che è esperto e imbecille allo stesso tempo? Sicuramente Giuliani non è un esperto:
Schermata 2016-08-24 alle 23.48.35
COP
I suoi grafici sono sicuramente difficili da comprendere, non tanto per il contenuto scientifico (anche se è stato ampiamente dimostrato che il radon da solo non funziona per prevedere i terremoti o la loro magnitudo), quanto per l’utilizzo di alcuni trucchetti che il Giuliani ben nasconde. Andiamo per ordine.

L’asse X: I dati sono tagliati

Entrambi i grafici mostrano dati da mezzanotte del 20 agosto a mezzanotte del 23 agosto. Il terremoto è avvenuto alle 3:30 del 24 agosto, ma i dati (che sembrano raccolti ogni ora) si fermano alle 24 del 23 agosto. Dove sono i tre punti mancanti? Le malelingue potrebbero dire che sono stati omessi volutamente, ma proseguiamo senza troppi preconcetti:

L’asse Y: scale diverse, valori diversi. Tutto da rifare.

Il valore dei conteggi (“counting rate”) andrebbe calibrato per ottenere un valore di radiazione confrontabile con altre fonti scientifiche. Purtroppo le fonti scientifiche già dal 2009 hanno indicato Giuliani, forse trattenendosi, come un irresponsabile allarmista. Il grafico per Coppito copre valori da 60 000 a 61500 (una forchetta di 1500, il 2.5% ) mentre il grafico di Fagnano copre valori più bassi ma più ampi (fluttuazioni di 3500, da 43000 a 46500). Se un aumento di 500 “conteggi” (pari allo 0.8%) a Coppito genera una freccia rossa e una scritta minacciosa RN ANOMALY che si ingrandisce e che inesorabilmente porta alla stellina rossa delle 3:36, perché fra le 8:00 e le 14:00 del 20 agosto i conteggi aumentano di 1500/ora (pari a tutta la variazione del grafico di Coppito nei 4 giorni coperti dal grafico) senza lanciare nessun allarme? Gli imbecilli meditano.

Le decorazioni: pallini, frecce e stelline

Cosa succede se epuriamo i grafici del Giuliani da tutte le freccette e visualizziamo i grafici sulla stessa scala? Questo. Whoops.
giampaolo giuliani 2
 
 

Ma la media mobile rende tutto più chiaro, filtrando il rumore l’anomalia è chiarissima

Il Giuliani ha uno strano concetto di media mobile, tant’è che opera un filtraggio dei dati un po’ sportivo:
Schermata 2016-08-25 alle 00.56.09
I dati grezzi (pallini grandi) non si allineano con i dati filtrati (pallini rossi), e i conti non tornano! Per 8 dati grezzi ci sono 6 valori filtrati, e allineati male. L’inizio della serie non è da meno:
Schermata 2016-08-25 alle 00.57.51
è come… se tutto… fosse… in ritardo…

I dati parlano chiaro, ci sono spiegazioni scientifiche!

Ma attenzione! Chiunque tacciasse il Giuliani di frode lo fa in malafede. Dal sito della Fondazione Giuliani possiamo vedere alcuni dati della stazione di Fagnano – ehi, stranamente sono limitati al periodo 11 gennaio – 22 febbraio 2016, nonostante si selezioni un lasso di tempo maggiore. Che peccato! In ogni caso febbraio 2016 non è stato un mese particolarmente attivo dal punto di vista sismico, come ci ricorda l’INGV:

Durante questo lungo periodo sono stati appena 2 i terremoti registrati che hanno avuto una magnitudo uguale o superiore a 4.0, solo uno localizzato sul territorio italiano. Entrambi gli eventi si sono verificati nel mese di febbraio, il primo è avvenuto l’8 febbraio (ML 4.6, Mw 4.2) tra le province di Ragusa e Siracusa mentre il secondo il 14 febbraio (Mb 4,5) localizzato lungo la costa meridionale della Croazia.

Ricordate, incremento di più di 1500 conteggi / ora = anomalia, terremoto!!1. Ci siete? Siete pronti?
anomalia
Il 3 febbraio e il 10 febbraio ci sono stati aumenti di ben 4000 conteggi / ora, ben più dell’incremento che secondo Giuliani avrebbe previsto il terremoto che ha distrutto Amatrice.
E NESSUNO NE PARLA!!1