Fatti

Il geologo Mario Tozzi spiega a Jovanotti tutto quello che non va del Jova Beach Party

@Asia Buconi|

Il Jova Beach Party, dopo le accuse di lavoro nero poi smentite, finisce di nuovo al centro delle polemiche. Il tour in riva al mare, organizzato sulle spiagge più belle della nostra penisola, aveva già scatenato l’ira degli ambientalisti, e oggi ad esprimersi in merito è stato il noto geologo, divulgatore scientifico e membro del Consiglio del WWF Mario Tozzi, che ha detto la sua in una lettera pubblicata su La Stampa dal titolo “Caro Jovanotti, stavolta sbagli”. I toni utilizzati dall’esperto sono gentili, garbati, di certo non compatibili a quelli di un “econazista”, come il cantante aveva definito tutti coloro che lo criticavano per il (presunto) disastroso impatto ambientale dei suoi macroscopici eventi in spiaggia.

Matteo Salvini difende Jovanotti: “Andrebbe premiato”

Le critiche sollevate dagli ambientalisti sul maxi-evento di Jovanotti avevano indotto pure Matteo Salvini a dire la sua. “Adoro la musica e mi piace Jovanotti – aveva spiegato il leader della Lega – Chi dopo la pandemia porta migliaia di ragazzi a divertirsi in maniera sana, va solo aiutato e premiato. Fare polemiche ideologiche pseudo-ambientaliste perché uno va a fare un concerto in spiaggia mi sembra davvero triste. C’è tanto da fare. Se uno pensa di salvare l’ambiente fermando i concerti di Jovanotti, ha sbagliato a capire”.

Il contenuto della lettera di Mario Tozzi a Jovanotti

All’interno della lettera che Mario Tozzi ha scritto a Jovanotti, pubblicata su La Stampa, si legge:

Caro Lorenzo,
non ci conosciamo personalmente, ma ti scrivo in relazione al tuo Jova Beach Party e alle polemiche che si stanno scatenando per la tua risposta piccata alle critiche di cittadini e associazioni. Mi permetto di darti del tu come a un amico di lunga data, visto che seguo con attenzione e simil tuo percorso musicale e umano almeno da «Serenata Rap», cioè da quasi trent’anni. Premetto che mi piace molto la tua evoluzione artistica apprezzato anche una certa inclinazione globale di alcuni brani, come per esempio «L’ombelico del mondo». Tutto questo per dire che non c’è di pregiudizio nella mia analisi. E così vengo subito al punto: noi tutti amiamo coniugare natura e cultura, arte e ambiente, musica e paesaggio. Direi che ci viene spontaneo, sia quando ne godiamo, sia quando ne siamo protagonisti. Nel mio piccolissimo, io non sono certo contrario e ho fatto spettacoli di parole e musica con Niccolò Fabi nelle Grotte di Castellana e con il jazzista Enzo Favata anche nelle spiagge più intatte di Sardegna.

Il geologo non ha quindi nulla da dire sull’idea, anche originale, del cantautore. La problematicità dell’evento, infatti, comincia ad emergere quando se ne analizzano le conseguenze ambientali. Spiega Mario Tozzi:

Il connubio mi piace. Il problema infatti non sta nella manifestazione in sé, ma negli impatti, che, come si vede chiaramente nelle foto JBP dall’alto, sono dirompenti, semplicemente per il numero di individui che vi partecipano: un conto sono cento persone, un altro cinquanta. Un recente studio del Cnr ha stimato che, dalle spiagge del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, ogni bagnante che passa una giornata al mare porta via con sé, volente o nolente, dai 50 a 100 grammi di sabbia. Lo studio è stato elaborato per la famosa spiaggia di Budelli che veniva sistematicamente depredata delle sue sabbie rosa e che è stata chiusa all’accesso proprio perché, comunque, dieci bagnanti trasportavano inconsapevoli altrove almeno un chilo di sabbia al giorno. Moltiplica questa cifra per le tue diecimila o cinquantamila persone e vedi a che montagna di sabbia si arriva, senza contare che si balla e ci si agita, aggiungendo erosione a erosione. Anche se solo per una giornata.

Poi, Mario Tozzi analizza le criticità maggiori dell’evento: i troppi spettatori, il peggioramento delle condizioni già critiche delle coste sabbiose italiane a cui il maxi-evento porta, senza considerare la progressiva scomparsa delle dune, sempre dovuta all’azione dell’uomo sulla natura:

Il primo elemento di critica sono dunque i numeri, non sostenibili da alcun sistema naturale, specialmente se delicato e fragile. E il secondo elemento è proprio il luogo: le linee di costa sono quanto di più delicato esista sul pianeta e sono compromesse soprattutto in Italia. Oggi le nostre coste sabbiose sono spesso in via d’erosione, mentre quelle alte, di falesia, finiscono per subire i colpi delle maree, sempre più disastrosi anche a causa delle frequenti tempeste. In Italia circa il 40 per cento delle spiagge è sottoposto a un’erosione costante e l’esito di questo processo è che rischiano di andare perdute, se non si interviene incisivamente. A patto di non affidarsi alle solite opere: moli, pennelli, scogliere artificiali o addirittura rimpinguare la spiaggia con camion di sabbia presa chissà dove e scaricata lungo la costa. Ci si dovrebbe, invece, affidare al ripascimento naturale guidato, ma per questo ci vogliono tempi lunghi, opere dolci e tranquillità. Non meno dannoso è l’uso malsano che facciamo della spiaggia, che in Italia è particolarmente deleterio. La duna, per esempio, è stata cancellata ormai su quasi tutte le decine di migliaia di chilometri del marino; la gran parte delle praterie sommerse di Posidonia è stata ormai divorata; la sterminata foresta che un tempo andava da Ventimiglia a Trieste facendo il giro di tutte le coste è scomparsa ormai da duemila anni. Solo il 29 per cento delle coste italiane, circa 2.200 ettari, è libero da insediamenti e può essere considerato un paesaggio integro. Il 60 per cento è già stato oggetto di un’occupazione intensiva che ha portato alla cancellazione della duna e della macchia, sostituite da costruzioni a tappeto e stabilimenti balneari in cemento armato. Il restante 11 per cento è in via di occupazione. Le coste sono un patrimonio che noi diamo per scontato, ma che sta andando perduto senza che nemmeno ce ne accorgiamo. Non sembra poi una delle migliori idee passare con le ruspe prima dell’evento o imporre un megapalco di quelle dimensioni con tutte le opere temporanee, ma pesanti, che richiede. E le opere di compensazione servono relativamente, perché agli impatti resistono solo gli ecosistemi resilienti e, per ciò sopra esposto, in Italia gli stessi sono allo stremo, specie lungo le coste. È vero che il Wwf si è fatto garante della mitigazione degli impatti, visto che tanto i comuni avrebbero comunque autorizzato gli eventi. Ma come membro del Consiglio Scientifico devo rivelarti che, insieme ad altri, avevo fatto presenti le mie perplessità.

A concludere, Mario Tozzi mette in guardia Jovanotti dal rischio che i suoi maxi eventi possano dare messaggi sbagliati a livello culturale, suggerendo alle persone che la natura sia alla mercé dei bisogni (anche non essenziali) degli esseri umani. Sul finale, il geologo invita poi il cantante a non sentirsi vittima dell’invidia sociale solo per le critiche, legittime, ricevute da alcuni ambientalisti. La missiva termina così:

C’è poi un aspetto culturale di fondo che non va trascurato: trasformando gli ambienti naturali in luoghi per eventi di massa si potrebbe dare l’idea che la natura e il paesaggio siano, in fondo, modificabili costantemente dai sapiens anche per esigenze che non sono di immediata sopravvivenza, pur riconoscendo il valore assoluto della musica. Ma ci sono luoghi deputati per quelle manifestazioni, anche giganteschi: stadi, palazzetti, piazze municipali e quant’altro. E se è vero che si tengono eventi nell’Arena di Verona o in siti archeologici, è pure vero che i Pink Floyd a Pompei il pubblico non ce lo avevano e i numeri sono comunque molto più bassi. Il problema sono i numeri, ma certo non per danneggiare le persone che vogliono godere della tua musica, solo per evitare di lanciare un messaggio diseducativo, che qualsiasi cosa si può fare sempre a spese dell’ambiente.
Ciascuno di noi sbaglia benissimo da solo e i consigli so dove posso mettermeli, ma davvero non devi pensare che ci sia una pattuglia combattiva di eco-nazisti, come li hai chiamati, che vuole distruggere la tua iniziativa per invidia sociale. Se pure ci sono voci estreme, ci sono anche altri, ecologisti di lunga data come me, che studiano l’ambiente da un punto di vista scientifico e che ne hanno viste abbastanza per suggerirti di rinunciare a questo progetto e rimodularlo legandolo a vere iniziative di compensazione ambientale: dalle emissioni clima alteranti che un evento ha sempre e comunque, alla piantumazione di alberi seguita e certificata, alla restaurazione di dune e praterie di Posidonia, alla difesa dell’avifauna e delle tartarughe marine. Chi se frega del fratino, mi potresti dire, o delle tartarughe. Ma faresti un errore, in questo mondo c’è un posto per la zanzara e uno per il pipistrello, uno per il fratino e uno per la medusa, solo noi sapiens pigliamo il posto di tutti gli altri, prepotenti e invasivi come siamo. Non realizziamo se si estingue una specie, l’effetto è a domino e, prima o poi, si estinguono anche le altre. In fondo la ricchezza della vita sulla Terra è data dalle sue singole componenti, esattamente come la sicurezza di una aeromobile è garantita a partire dall’ultima vite della macchinetta per scaldare i pasti a bordo: non sai mai come si mettono le cose, se fai finta di niente.
Mi congedo nell’illusione che le mie parole servano almeno a un ripensamento e una discussione non ostile e addirittura serena.
Tuo. Mario Tozzi