Economia

Una silenziosa fuga di capitali dall'Italia

fuga di capitali

Le banche estere hanno tagliato la loro esposizione sull’Italia per oltre cento miliardi di euro negli ultimi nove mesi dell’anno scorso: una sforbiciata pari al 15% del totale dei capitali investiti, come racconta un’analisi della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) citata oggi da Federico Fubini sul Corriere della Sera. Gli investitori hanno venduto azioni e obbligazioni, si sono liberati di crediti e investimenti nelle attività reali. E lo hanno fatto silenziosamente, ma in un periodo storico molto diverso rispetto a quello tra 2011 e 2012, quando ritirarono l’equivalente di 270 miliardi di dollari in una situazione però completamente diversa rispetto a oggi.

fuga capitali silenziosa
Le banche estere e l’Italia (Corriere della Sera, primo maggio 2017)

In questa silenziosa fuga di capitali a bassa intensità l’esposizione degli istituti del resto del mondo è scesa nettamente sotto ai minimi raggiunti a metà del 2012, nel momento peggiore della crisi del debito. Allora le banche estere erano investite in Italia per 683 miliardi di dollari (la Bri dà i dati in valuta americana), mentre alla fine dell’anno scorso la loro posizione nel complesso valeva appena 603 miliardi. Di più, sostiene il Corriere:

C’è un’accelerazione, in questa silenziosa ritirata, che ha tutta l’aria di essere legata agli eventi della politica: nel secondo trimestre del 2016 escono capitali bancari esteri per 32 miliardi di dollari, nel terzo per 18 miliardi e improvvisamente si allarga a 51 miliardi negli ultimi tre mesi dell’anno. Palesemente gli osservatori sono colpiti negativamente dal naufragio in dicembre del referendum costituzionale, soprattutto quelli che guardano all’Italia dalla Francia, dalla Germania e dagli Stati Uniti.
Le banche di questi tre Paesi pesano da sole per quasi due terzi di tutte le fuoriuscite nette di capitali e per quasi tre quarti con l’aggiunta di quelle del Regno Unito: circa 20 miliardi di taglio del rischio Italia per ciascuno dei gruppi di operatori francesi, tedeschi e americani, di 13 miliardi i britannici. Chiaramente dunque non c’è una cospirazione, ma una diffidenza diffusa per la direzione che sta prendendo la terza economia dell’area euro. Soprattutto il sistema bancario in Germania sembra aver maturato una sfiducia radicale. La sua esposizione sul Paese alla fine nell’anno scorso vale poco più di un quarto dei quella delle banche francesi e ormai è scesa tanto che risulta del 30% sotto a quella che gli istituti tedeschi avevano sull’Italia al debutto dell’euro nel 1999.

In parte la fuga si spiega con gli interventi della BCE, visto che le banche estere hanno venduto all’istituto di Francoforte buona parte dei loro titoli di Stato di Roma. In questo condividiamo il destino con Spagna e Francia.