Politica

Fratelli d'Italia prova a spiegare il "carico residuale", ma non distingue il verbo dal sostantivo

neXt quotidiano|

Carico residuale Matteo Piantedosi

Il giochetto è sempre lo stesso. Come già accaduto con il tanto contestato decreto legge – approvato con urgenza dal secondo Consiglio dei Ministri dell’Era Meloni – contro i rave party, il governo continua a utilizzare termini e indicazioni che non hanno attinenza con la realtà. Ma la cosa più grave è rappresentata dai tentativi di “giustificare” quanto detto/scritto con le più classiche arrampicate sugli specchi. E come accaduto solo una settimana fa (prima che dalla stessa maggioranza fossero evidenziate tutte le lacune inserite all’interno del dl contro i rave illegali), ora Fratelli d’Italia prova a spiegare agli italiani il significato di “carico residuale”, concetto espresso dal Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi per definire i 35 migranti a bordo della Humanity 1 che non sono stati fatti sbarcare a Catania. E a farlo è il sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro delle Vedove.

Carico residuale, la spiegazione di Fratelli d’Italia fa acqua da tutte le parti

Secondo Fratelli d’Italia, dunque, il termine “carico” è utilizzato anche all’interno del testo della Convenzione dell’Onu sui diritti del Mare. È vero? Certamente, ma quel termine non viene utilizzato come sostantivo (come invece fatto da Piantedosi e dal governo), ma come verbo. E la differenza è eclatante, sia nel significato che nell’effetto. Leggiamo, infatti, quanto previsto dall’articolo 19 della suddetta convenzione internazionale delle Nazioni Unite (pubblicato anche sul sito del Ministero della Transizione Ecologica.

Carico Residuale testo convenzione ONU

“Il carico o lo scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti nello Stato costiero”. Il carico o lo scarico. Caricare, scaricare. Due verbi che, ovviamente, hanno significato ben diverso al concetto di “carico residuale” inteso da Matteo Piantedosi. Concetto che stava a indicare quei 35 esseri umani a bordo della Humanity 1 che non avevano i “requisiti” per lo sbarco. Ma Fratelli d’Italia ci ha tenuto a “fare chiarezza”, con la classica toppa peggiore del buco e con una spiegazione che fa acqua da tutte le parti.

(foto: IPP/Sorano Antonio)