Attualità

La bufala del focolaio di COVID a Monteverde e dell’UPIM a piazzale Dunant

Una catena su Whatsapp sostiene che “È meglio non andare a Villa Pamphili e girare per Monteverde perché ci sono tanti casi di COVID partiti dalle suore di San Pancrazio che hanno trasmesso ai bambini che hanno trasmesso ai genitori e così via. L’Upim di Piazza Dunant è chiusa perché i dipendenti stanno in quarantena”. Si tratta di una sequela di fregnacce

upim piazzale dunant monteverde coronavirus suore san pancrazio

Da 24 ore circa circola una catena su Whatsapp che sostiene che “È meglio non andare a Villa Pamphili e girare per Monteverde perché ci sono tanti casi di COVID partiti dalle suore di San Pancrazio che hanno trasmesso ai bambini che hanno trasmesso ai genitori e così via. L’Upim di Piazza Dunant è chiusa perché i dipendenti stanno in quarantena”. Si tratta di una sequela di fregnacce in cui l’unica cosa vera è il focolaio, già circoscritto secondo la Regione Lazio, all’istituto Teresianum dove infatti da ieri non si registrano nuovi casi.

La bufala del focolaio di COVID a Monteverde e dell’UPIM a piazzale Dunant

Nel dettaglio, è vero che l’UPIM di circonvallazione Gianicolense, che ha entrate anche a piazzale (e non piazza) Dunant, è rimasto chiuso il 21 giugno, ma – come hanno spiegato gli addetti a neXt – per problemi tecnici che non hanno alcuna attinenza con l’epidemia. È invece una bufala vera e propria che ci sia una dipendente “sposata con un dipendente del San Raffaele contagiato” come è stato scritto da alcuni su Facebook alimentando il messaggio su Whatsapp. L’istituto Teresianum è invece una pontifica facoltà teologica in cui si svolgono tirocini accademici e dottorati. Non risulta che i bambini le frequentino abitualmente anche se su Whatsapp magari qualcuno è disposto pure a giurare di averli visti prendere la laurea.

upim piazzale dunant monteverde coronavirus suore san pancrazio
Fonte Whatsapp

Per quanto riguarda il focolaio del Teresianum, che si trova in piazza San Pancrazio, l’ultimo caso positivo è stato registrato il 24 giugno: le suore contagiate sono in tutto tre, l’ultima riscontrata positiva è del 23 giugno scorso. La storia del Coronavirus a Monteverde e a Villa Pamphilj è una bufala, mentre ci sono tredici nuovi casi di positivi al Coronavirus SARS-COV-2 nel Lazio e un decesso. Uno dei casi segnalati oggi dall’assessorato alla Sanità della Regione Lazio è il dipendente dell’Indispensa Bistrot a Fiumicino.

Leggi anche: Lazio: i dati del Coronavirus di oggi e il caso a Fiumicino