Fatti

I cinque bulli che insultano un 15enne disabile e gli sputano addosso a Firenze

A Firenze un 15enne con problemi fisici e visivi è stato accerchiato da 5 coetanei che lo hanno insultato e poi gli hanno sputato addosso

aggressione ragazzo disabile firenze oltrarno sputi

Lo hanno costretto a consegnargli una sigaretta, poi – dopo essersi assicurati con una perquisizione che fosse davvero l’unica che aveva con sé – lo hanno coperto di insulti e sputi, in cinque contro uno. La vittima è un ragazzino disabile di 15 anni, con problemi fisici e visivi. Secondo quanto riferisce La Nazione, sarebbe stato aggredito domenica scorsa intorno alle 19 a Firenze. Tornato a casa in lacrime e sotto choc per quanto accaduto, avrebbe raccontato tutto alla madre, poi corsa dai carabinieri per esporre denuncia. “Non è la prima volta che succede”, avrebbe riferito la donna.

I cinque bulli che insultano un 15enne disabile e gli sputano addosso a Firenze

Per cercare di proteggerlo, i genitori avrebbero iscritto il figlio a un istituto privato in un quartiere diverso, ma a quanto pare non è bastato ad evitargli atti di bullismo simili. Si era fermato su un muretto nella zona dell’Oltrarno nei pressi di Piazza dei Nerli stanco dopo una passeggiata, è stato notato dalla “banda” di coetanei che lo hanno subito preso di mira cercando di estorcergli sigarette che non aveva. “Lo chiamano ‘storpio’ e ‘ritardato’”, denuncia la madre, che è parsa avere contezza di chi fossero i bulli in questione, presumibilmente gli stessi che avevano infastidito il ragazzino già in precedenza. La vicenda richiama quanto accaduto a Pietrasanta (Lucca) appena lo scorso 9 maggio, quando sei persone – cinque delle quali minorenni – accerchiarono un 29enne migrante del Gambia affetto da disabilità psichica. Tutti sono stati denunciati per lesioni aggravate dai motivi abietti e dall’odio razziale: lo avrebbero anche discriminato per il colore della pelle, come si evince dalle immagini, registrate per poi vantarsi sui social della violenza perpetrata al parco.

(immagine di copertina: Pixabay)