La macchina del funky

Emanuele Lele Dessì spiega il video con Domenico Spada (e le botte ai rumeni)

emanuele dessì domenico spada

Ieri abbiamo parlato del video del MoVimento 5 Stelle di Frascati in cui si vede Emanuele Lele Dessì,  candidato nel proporzionale al Senato nel collegio della provincia di Latina, mentre scherza con Domenico Spada, esponente della famiglia sinti successivamente condannato a sette anni e mezzo di reclusione. Oggi Emanuele Lele Dessì rilascia un’intervista al Messaggero in cui parla dei suoi rapporti con Spada e anche di uno status pubblicato su Facebook qualche tempo fa e nel frattempo cancellato in cui si vantava di aver menato “ad un ragazzo rumeno a seguito di offese gratuite nella sua lingua madre”.

Domenico Spada però ha avuto grossi problemi con la giustizia.
«Infatti, sono anni che non lo vedo e non lo sento».
Questo video non la imbarazza?
«No, all’epoca era incensurato e stavo su un luogo di lavoro,sono offeso e dispiaciuto, questo sì, per le persone danneggiate: a partire dal giornalista che prese una testata da Roberto Spada».
Ha frequentato anche la sua palestra a Ostia?
«No. Domenico Spada,invece,ha provato a ricontattarci tempo fa perché voleva fare una manifestazione sportiva a Marino, ma gli abbiamo detto di no perché aveva avuto problemi con la giustizia».

emanuele dessì rumeno

Poi c’è anche un post su Facebook del 2015 in cui lei si vanta di «aver menato per la terza volta in vita sua un ragazzo rumeno».Si scusa?
«Ho sbagliato a usare le mani e a fare quel post, la mia famiglia in quel momento era in pericolo. Sono un educatore».
Se verrà eletto al Senato incontrerà Renzi: userà le mani?
«Non scherziamo: con Renzi mi piacerebbe discuterci, questo sì».

Leggi sull’argomento: Emanuele Dessì: il candidato a 5 Stelle nel video con Domenico Spada (ma…)