Fatti

È ufficiale: c’è la data per l’avvio della somministrazione della terza dose di vaccino

Lo ha comunicato il commissario per l’emergenza Covid, il generale Figliulo, al termine di una riunione con il Ministro della Salute Roberto Speranza

Terza dose vaccino, Figliuolo

Dopo il via libera dell’Aifa, la struttura commissariale (dopo un confronto con il Comitato Tecnico-Scientifico e il Ministero della Salute) ha stilato il primo calendario per la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid. Oggi pomeriggio, al termine di una riunione con Roberto Speranza, il generale Figliuolo ha annunciato la data per il via alle nuove iniezioni, indicando anche le categorie che avranno la precedenza in questa ulteriore fase della campagna vaccinale.  È

Terza dose vaccino, si parte il 20 settembre con i “soggetti fragili”

Si partirà il prossimo 20 settembre, come accadrà anche negli Stati Uniti. Secondo quanto dichiarato dal Commissario Straordinario Figliuolo, i primi a ricevere la terza dose vaccino saranno i cittadini considerati più a rischio: si partirà con i pazienti immunodepressi (tutti coloro i quali hanno problemi legati a patologie o trattamenti farmacologici, come nel caso di trapianti o tumori). Poi sarà il turno degli ospiti delle RSA e, più in generale, della fascia dagli 80 anni in su.

All’interno delle categorie a rischio – non per patologie pregresse, né tantomeno per età – ci sono anche tutte quelle persone che lavorano negli ospedali o in ambito sanitario. Come già accaduto dalla fine dello scorso dicembre (e all’inizio del 2021), il personale ospedaliero (medici, infermieri, portantini e dirigenti) saranno i primi – insieme agli anziani e ai più fragili – a ricevere la terza dose vaccino in Italia. Il motivo è semplice ed è lo stesso che portò la vecchia struttura commissariale (quella diretta da Domenico Arcuri) a dare loro la precedenza fin dall’inizio.

In attesa di capire se la terza dose sarà estesa a tutti i cittadini (soprattutto per quel che riguarda le fasce di età più basse), la struttura commissariale sottolinea che nei prossimi giorni “saranno aggiornati i sistemi informatici per l’avvio delle somministrazioni su tutto il territorio nazionale”. Da lì sarà stilato il calendario con le convocazioni.

(Foto IPP/Fabio Cimaglia)