Attualità

“Non ci possono essere giudici donne”: il prof delle frasi sessiste è stato sospeso

Sono costate care le frasi sessiste pronunciate durante una lezione di Bioetica on line dal professore Donato Mitola, che insegna presso l’Universita’ di Bari: è stato sospeso

Sono costate care le frasi sessiste pronunciate durante una lezione di Bioetica on line dal professore Donato Mitola, cultore della materia presso l’Università di Bari. Mitola ha detto che “non ci possono essere giudici donne, perche’ giudicare vuol dire essere imparziali e le donne invece sono condizionate dall’emotivita’” e altre frasi che hanno sorpreso gli studenti della facoltà di Medicina. I video della lezione hanno fatto velocemente il giro del web e provocato la reazione indignata dell’associazione studentesca Link, che ha chiesto l’intervento del preside della Scuola di medicina e del rettore. “Per l’ennesima volta il nostro Corso di Laurea e’ stato teatro di un episodio sessista e misogino – ha dichiarato Noemi Sassanelli, coordinatrice dell’associazione Link Medicina Bari – ma stavolta per mano di colui che, per la materia che insegna, ha il dovere morale di guidare gli studenti nell’analisi razionale dei problemi morali affinche’ il progresso avvenga nel rispetto di ogni persona umana e della sua dignita’. Non solo, questo episodio vergognoso si è verificato all’interno di un Corso di Laurea che conta un’elevatissima percentuale di popolazione femminile, la cui figura e futuro professionale sono state svilite in modo inaccettabile e ingiusto”. Repubblica Bari racconta che il professore è stato sospeso:

Un lungo elenco di frasi shock, che hanno fatto in poche ore il giro delle chat degli studenti e poi del web, che l’Anm ha bollato come «idee evanescenti e logori pregiudizi», mentre le consigliere di parità hanno definito «parole terribili, ingiustificabili e discriminatorie», chiedendo al rettore la rimozione di Mitola. Il provvedimento di Stefano Bronzini è arrivato a distanza di poche ore e indirizzato al presidente della Scuola di medicina Loreto Gesualdo: «Nelle more di definitive determinazioni in merito è stata disposta l’immediata sospensione del dottor Donato Mitola dall’incarico di cultore della materia e da qualsiasi altra attività di didattica e di ricerca». «L’università Aldo Moro sarà sempre attenta e vigile sui temi dell’uguaglianza — ha dichiarato Bronzini — e condannerà sempre qualsiasi atto di discriminazione, diretta e indiretta, morale, fisica o psicologica, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla diversa abilità, alla religione, alla lingua, alle convinzioni personali e politiche nonché alle condizioni personali e sociali».

Leggi anche: Federica Sciarelli e la frecciata su Sileri a Chi l’ha visto?