Fatti

Grazie a Trump gli antivaccinisti rialzano la testa

trump antivaccinisti manifestazione washington - 3

Negli Stati Uniti il movimento antivaccinista dei genitori preoccupati™ va alla guerra contro il CDC, l’equivalente statunitense del nostro Istituto Superiore di Sanità, e contro la grande cospirazione globale dei vaccini. Lo ha fatto questa mattina con una manifestazione a poche centinaia di metri dalla Casa Bianca in Pennsylvania Avenue. La manifestazione è stata organizzata dall’organizzazione “Revolution 4 Truth” che riunisce alcuni genitori che credono che i vaccini siano dannosi e che i mass media diffondano “fake news” riguardo la loro utilità per prevenire la diffusione di malattie contagiose.
trump antivaccinisti manifestazione - 1

La marcia su Washington degli antivaccinisti

La settimana scorsa ha fatto molto rumore in Italia la manifestazione delle mamme preoccupate che a Firenze hanno protestato contro la legge regionale che introduce l’obbligo di vaccinazione per l’iscrizione all’asilo. Tutto il Mondo è paese, verrebbe da dire mentre tiriamo un sospiro di sollievo consolati dal fatto che se non altro noi italiani non abbiamo un Presidente che crede che i vaccini provochino l’autismo, per ora. Ed anche guardando i video della manifestazione non è che ci fossero poi molte persone, sarà che oggi a Washington DC faceva brutto tempo e che gli antivaccinisti avevano paura di prendersi un raffreddore (o peggio) ma di gente se n’è vista pochina davanti alla Casa Bianca a chiedere al CDC di “raccontare tutta la verità” sui vaccini e per opporsi all’obbligo vaccinale.

In America però questa nuova avanzata del fronte antivaccinista, che facendosi forza di bufale conclamate chiede la possibilità di personalizzare il calendario vaccinale vanificando di fatto il lavoro teso a massimizzare la copertura dei vaccini è vista con sempre più crescente preoccupazione. E non solo perché i genitori che si oppongono ai vaccini hanno causato negli ultimi anni diversi focolai epidemici di morbillo (qualcosa che stiamo lentamente scoprendo anche in Italia) ma soprattutto perché gli antivaccinisti stanno facendo proprie le parole d’ordine del Presidente: se i media raccontano qualcosa che non ci piace allora sono “fake news”, chi invece diffonde menzogne circa l’inesistente correlazione tra vaccini e autismo racconta “alternative facts” verità alternative che in quanto tali non sono nemmeno passibili di essere commentate e scrutinate.

Casi di infezione da morbillo. Il CDC spiega che le persone che hanno contratto la malattia erano per la maggior parte non vaccinate (fonte: cdc.gov)

Non esiste un movimento antivaccinista globale, anche se tutti si abbeverano alle stesse fonti (una su tutte lo studio di Andrew Wakefield che metteva in correlazione i vaccini contro il morbillo e l’autismo), e tutti credono che gli interessi delle case farmaceutiche, di Big Pharma, siano il vero motivo per cui i governi vogliono imporre le vaccinazioni. Anche tra i genitori antivaccinisti esistono diverse gradazioni di scelte antivaccinali e il minimo denominatore comune è che tutti “non si fidano” dei vaccini. Tutti sembrano sconvolti dopo aver scoperto che esistono – e sono addirittura contemplate dal Ministero della Sanità – tabelle che quantificano i danni da reazioni avverse da vaccino (non è che siano poi segretissime). Incredibilmente in pochi si preoccupano delle reazioni dell’organismo ad agenti patogeni dai quali ci si può mettere al sicuro con una semplice puntura. Anzi paradossalmente ci sono genitori (e senatori) che propongono di esporre deliberatamente al contagio i bambini in modo da immunizzarli in modo naturale e gratuito.
trump antivaccinisti manifestazione washington - 2
In America c’è chi ritiene che la vittoria di Donald Trump, che sostiene apertamente persone come Robert Kennedy Jr. che sono dichiaratamente antivacciniste e che credono che i vaccini siano pericolosi, possa consentire al movimento antivaccinista (nelle sue varie declinazioni) di prendere piede nel paese. Tanto per mettere le cose in chiaro: Kennedy ha detto che Trump gli ha chiesto di guidare la commissione d’inchiesta sui vaccini. Un’affermazione che Trump ha smentito anche se ha ammesso di stare studiando la possibilità di istituire una commissione parlamentare sull’autismo per scoprirne le cause. A questo aggiungete che Trump ha una chiara propensione a credere a rapporti pseudoscientifici (ad esempio il fatto che non creda alla teoria del riscaldamento globale) e capirete come mai giornalisti, scienziati e pediatri siano pessimisti e credano che il movimento degli anti-vaxxer stia ormai vincendo. Una vittoria che mette però a rischio la salute (e in alcuni casi la vita) di molte persone. C’è da chiedersi cosa potrebbe succedere nel nostro paese se una forza politica che più che sull’esposizione di dati scientifici crede che sia laggente a dover democraticamente decidere se una terapia è “onesta” oppure no. Per ora gli indizi che stiamo raccogliendo non sono affatto confortanti.