Politica

Di Maio ha finalmente capito che il reddito di cittadinanza va anche agli stranieri

“La nostra norma sul reddito di cittadinanza è rivolta agli italiani. Alzeremo il tetto di permanenza dei lungo soggiornanti per rispettare le norme europee. Quindi, i 5 anni che leggete nella bozza sono da modificare, il tetto sarà più alto”. Con queste parole pronunciate ad Alleghe in provincia di Belluno il vicepremier e bisministro Luigi Di Maio arriva finalmente ad ammettere anche pubblicamente che il reddito di cittadinanza andrà anche agli stranieri.

Di Maio ha finalmente capito che il reddito di cittadinanza va anche agli stranieri

Al contrario di quanto ha sostenuto il bisministro per qualche mese, è quindi impossibile escludere gli stranieri residenti dal reddito di cittadinanza come avevano scritto i giornali. E al contrario di quello che ha sostenuto il vicepremier fino all’altroieri, è vero che nella bozza di decreto legge che circola in questi giorni si prevede che potranno beneficiare gli stranieri che si trovano da almeno cinque anni in Italia. Nelle frasi del ministro invece ci sono ancora un paio di cose da sottolineare. La prima è la sostituzione della parola “stranieri” con la locuzione appena inventata “lungo soggiornanti”, che serve a non dire la parola “stranieri” e quindi a non ammettere di aver detto fregnacce per tre mesi. Certo, sarà un problema se l’ordine di scuderia diventerà di sostituirla ovunque: “Via i lungo soggiornanti dall’Italia!” è uno slogan un po’ complicato da tenere a mente.

reddito di cittadinanza
I numeri del reddito di cittadinanza (Il Fatto Quotidiano, 3 gennaio 2019)

La seconda è che si parla di portare il tetto da cinque a dieci anni ma il limite non sembra logico perché 10 anni è il tempo necessario a uno straniero residente in Italia prima di poter chiedere la cittadinanza italiana. Quindi porre il limite a dieci anni potrebbe costituire un modo per aggirare la legge. D’altro canto per il bonus bebé, dal quale erano in un primo momento esclusi gli stranieri, andò esattamente così: la norma venne portata davanti al giudice che stabilì l’estensione. E si sa, la storia torna sempre. A volte in forma di tragedia, a volte in forma di farsa.

Leggi sull’argomento: Mara Lapia: la deputata M5S denunciata per diffamazione