Fact checking

Democratici sull'orlo di una crisi di nervi

@alessandrodamato|

giornale renzi dimissioni truffa mattarella

Il Partito Democratico nelle difficoltà reagisce sempre con la fermezza e la maturità di un bambino di tre anni. E così non è certo una notizia che in vista della direzione nazionale di mercoledì al Nazareno le opposte fazioni trovino molto intelligente cominciare a litigare tra di loro mentre il presidente del Consiglio è dimissionario e ci sarebbero da affrontare una discreta serie di urgenze in questo paese. La pietra dello scandalo è in questo momento il voto al referendum, che ha visto la minoranza del PD schierarsi con il no e poi attribuirsi, come

Chiara Geloni sostiene che le proteste sulla pagina Fb di Bersani siano organizzate dallo staff di Renzi

Tra i commenti non si legge esattamente corrispondenza d’amorosi sensi con la minoranza del partito: «Io purtroppo non sono di Roma e dintorni, ma fatelo sentire a Renzi, che siamo in tanti. Non ci sentiamo sconfitti ma, tanto incazzati. Se ne accorgeranno Baffino e l’ uomo delle metafore imbecilli. Vogliono un governo ora? Sono abituati a galleggiare da sempre. Al voto, con Lei! Presidente», dice una donna; «Verrei volentieri, ma purtroppo sono a Milano. Peró promettetemi che fischierete di brutto Bersani e Speranza», replica un altro.
renzi e il mio segretario
L’evento di sostegno a Renzi programmato per domani

D’altronde anche domani in direzione il clima non sembra dei migliori. Renzi proverà a chiedere le elezioni ma non tutto il Pd è pienamente allineato sulla richiesta di voto subito. La sinistra Dem lo ha detto apertamente (ma Renzi, riferisce una fonte a lui vicina “non lo ritiene ormai un problema”, mettendo in conto la scissione) mentre per un prolungamento di qualche mese della legislatura sarebbe Areadem, la corrente che fa capo a Dario Franceschini. Dunque il pressing dei collaboratori su Renzi è di presentarsi in direzione ammettendo la sconfitta, magari anche gli errori, ma anche rivendicando il 40% conquistato e chiedendo il consenso ad andare a elezioni anticipate. Intanto sul web molto vanno a caccia di colpevoli.
democratici crisi nervi

Chi esulta per le dimissioni di Renzi

Ieri durante Gazebo invece è stata mostrata l’esultanza nel comitato per il NO “di sinistra” di Roma per le dimissioni di Renzi. Nelle immagini di Zoro si vedono l’europarlamentare del PD Massimo Paolucci, non certo dispiaciutissimo per la sconfitta come notano in studio, poi si vedono tutti i presenti mettersi ad ascoltare Renzi sui telefonini per un guasto alla tv, che poi si ricollega scatenando l’ilarità dei presenti. Quando Renzi comincia il discorso prima qualcuno propone una pernacchia, e quando arriva ad annunciare le dimissioni si scatena un applauso spontaneo con grida di felicità. Era una discussione nel merito del referendum, insomma.

Il comitato per il no di sinistra esulta per le… di next-quotidiano
Sempre nei contributi video si vede anche una significativa stretta di mano tra Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia e Alfredo D’Attorre, ex PD oggi in Sinistra Italiana. Lo stesso D’Attorre che oggi chiede a Renzi di lasciare la politica: “È evidente che il Presidente del Consiglio uscente, dopo il fallito tentativo di modifica della nostra Carta Costituzionale, e’ il principale ostacolo alla riunificazione dell’area del centrosinistra. Se fosse davvero un uomo di parola e non uno dei tanti politicanti di passaggio, Renzi terrebbe fede alla promessa fatta pubblicamente di ritirarsi dall’impegno politico in caso di vittoria del No. Con la sua uscita di scena darebbe finalmente un contributo utile alla ricostruzione su basi rinnovate di quel campo progressista che le sue scelte hanno progressivamente indebolito e che ora il suo avventurismo rischia di portare alla catastrofe finale”.

La stretta di mano tra Giorgia Meloni e Alfredo… di next-quotidiano
Nel terzo video si vede invece l’arrivo di Massimo D’Alema nella sede del comitato insieme a Roberto Speranza il quale precisa da subito che “nessuno di noi ha chiesto le dimissioni di Matteo Renzi”. D’Alema invece pronostica che molti di quelli che lo hanno seguito cercheranno di azzannarlo e precisa: «Io non faccio parte di loro. Io ho combattuto a viso aperto una scelta che ritenevo sbagliata, al contrario di quello che ha detto lui senza rancore personale».

L’arrivo di D’Alema alla sede del comitato del… di next-quotidiano
Insomma, nella rabbia per la sconfitta e nell’esultanza per la vittoria il dettaglio che si trovino in molti nello stesso partito deve essere sfuggito.
EDIT 7/12: Ho colpevolmente lasciato fuori dal pezzo ieri, questo status di Alessio De Giorgi, che lavora per lo staff di Renzi a Palazzo Chigi e ieri ha cercato di aizzare su Facebook gli amici ad andare a rispondere a Bersani.
alessio-de-giorgi
De Giorgi ha poi cancellato lo status e si è scusato:
alessio-de-giorgi-1