Attualità

Daniele Frongia indagato per il Cirque du Soleil a Tor di Quinto

paolo saolini daniele frongia 2

Daniele Frongia, l’ex vicesindaco e capo di gabinetto di Virginia Raggi poi assessore allo Sport della Giunta M5S che governa Roma (con i risultati che tutti possiamo vedere nei secchioni in mezzo alla strada mentre aspettiamo invano l’autobus) ha annunciato di essere indagato in un’inchiesta su presunti abusi edilizi nell’area di Tor di Quinto, che negli anni ha ospitato spettacoli come Notre Dame de Paris e l’unica tappa italiana del Cirque du soleil. A farlo sapere, per modo di dire visto che dall’annuncio non si capiva molto, lo stesso Frongia su Facebook:

Stamattina ho ricevuto un atto di elezione di domicilio relativo a un procedimento penale per un presunto abuso edilizio commesso da terzi. Si tratterebbe della bonifica dell’area di Tor di Quinto dove si svolgono spettacoli temporanei. In occasione di uno di questi spettacoli gli organizzatori erano intervenuti con un’operazione di riqualificazione, ora al vaglio della Procura. Sono fiducioso che la questione verrà presto chiarita dalla magistratura.

daniele frongia indagato

Stefania Piras sul Messaggero dà conto del solito clima di grande rispetto nei confronti della magistratura che circola nel M5S, dove la gara a cercare il complotto è sempre aperta, specialmente quando indagano i loro:

«Certo che la tempistica è curiosa…Proprio oggi(ieri ndr) doveva arrivare questa notizia?», si chiede chi segue da vicino il calendario politico-giudiziario
che deve passare prima attraverso la cruna dei giudici, poi (eventualmente) quella del M5S. «Ma sai poi da chi parte tutta questa storia?». Il cognome sibilato nella risposta è sempre quello: Marra.

Renato,viene specificato. Perché i sopralluoghi nell’area destinata ai grandi eventi e ai circhi li fece proprio lui, da comandante del gruppo locale dei vigili, dopo che saltò la sua nomina a capo del Dipartimento Turismo. Nomina firmata da Virginia Raggi che le è costata il processo in corso per falso da cui potrebbe dipendere la sua permanenza in Campidoglio. Renato Marra, dell’inchiesta sull’area di Tor di Quinto, dice di «non saperne nulla», anche se la tempistica coincide.

L’inchiesta riguarda la violazione di un articolo della legge urbanistica che disciplina le concessioni. E quello di Frongia sarebbe un abuso d’ufficio per aver espresso parere favorevole alla riqualificazione dell’area.

Leggi sull’argomento: Il complotto dietro la foto intima di Elisa Isoardi e Matteo Salvini