Fatti

Cosa c'è di strano nell'ultimo attacco di Beppe Grillo ai giornalisti

virginia raggi roberta lombardi

Beppe Grillo pubblica sul suo blog un attacco a Fiorenza Sarzanini del Corriere della Sera. All’ordine del giorno c’è ancora la vicenda delle polizze di Salvatore Romeo e stavolta a finire sotto mira è una delle migliori croniste di giudiziaria d’Italia. E qui cominciano le stranezze. Scrive il blog di Grillo:

Nella schiera dei confezionatori seriali di menzogne contro il M5S, fa il suo ingresso anche Fiorenza Sarzanini del Corriere della Sera, che si è avventurata in fantasiose ricostruzioni sulla storia delle polizze intestate da Salvatore Romeo alla sindaca Virginia Raggi nel suo articolo la Sarzanini getta ombre pesantissime sulla Raggi, parlando di sospetti e di presunti reati come ‘compravendita di voti’ e “finanziamenti occulti”. Parole pesanti come macigni che nulla hanno a che vedere con Virginia Raggi e con il M5S, e che non corrispondono alle ipotesi accusatorie dei magistrati, visto che la stessa Procura ha spiegato che non c’è alcun reato in quanto non è emersa nessuna utilità corruttiva.
Bastava approfondire la natura delle polizze contratte da Salvatore Romeo prima di infangare Virginia Raggi, bastava rispondere ad un minimo di deontologia professionale per capire che Romeo aveva fatto una serie di investimenti a suo esclusivo beneficio. Una polizza, quella intestata al sindaco di Roma, che rende il 4% a chi l’ha contratta, cioè allo stesso Romeo, in una fase in cui titoli di Stato e altre forme tradizionali di investimento rendono intorno allo 0%. Una polizza da 30.000 euro che assomiglia molto più ad un libretto di risparmio che ad una normale polizza vita, e che prevede, in caso di morte del contraente, un beneficiario sostitutivo. Quest’ultimo, naturalmente, può essere tranquillamente all’oscuro dell’investimento, come lo era Virginia Raggi.

Cosa c’è di strano nell’ultimo attacco di Beppe Grillo ai giornalisti

La prima curiosità è proprio la data: Grillo sta parlando di un articolo pubblicato sul Corriere della Sera venerdì 3 febbraio mentre di solito l’Ufficio smentite & pogrom del blog è molto più reattivo e tende ad attivarsi per gli articoli usciti il giorno stesso.
beppe grillo fiorenza sarzanini
In secondo luogo è impossibile non  notare che nella sua smentita il MoVimento 5 Stelle difende furiosamente Virginia Raggi. Eppure in questi giorni quello che ha scritto Fiorenza Sarzanini ha fatto arrabbiare molto anche Roberta Lombardi, che in due diversi status su Facebook a due giorni di distanza ha smentito proprio quanto aveva scritto la Sarzanini. Ieri, prendendosela con chi l’aveva accusata di aver parlato per prima della storia delle polizze ai magistrati.
beppe grillo fiorenza sarzanini 1
Ovvero, proprio Fiorenza Sarzanini (nell’articolo firmato con Ilaria Sacchettoni): basta notare il virgolettato di Lombardi e il titolo del Corriere della Sera per averne la certezza.
lombardi
In terzo luogo, Lombardi oggi è tornata a smentire senza nominare, parlando di «campagna di fango» contro di lei:
roberta lombardi
Cosa sta smentendo la Lombardi? Anche in questo caso, un articolo di Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera:
roberta lombardi 1
Insomma, la Lombardi per due volte in due giorni smentisce la Sarzanini senza mai nominarla ma il blog di Grillo, che non ha condiviso (finora) nessuno dei due post della deputata, se la prende con la Sarzanini (nominandola) per quanto scritto su Virginia Raggi tre giorni fa. Semplice dimenticanza? Marciare divisi per colpire uniti?

Leggi sull’argomento: La curiosa smentita dell’avvocato di Roberta Lombardi a Repubblica