Attualità

Corrado Lauro e i bravi parrocchiani che non vogliono "i negri"

corrado lauro roata canale cuneo profughi medico - 3

Roata Canale è una frazione di Cuneo dove qualche settimana fa il parroco ha dato l’annuncio ai fedeli dell’arrivo di alcuni richiedenti asilo. Il parroco ha detto che la Casa delle Opere parrocchiali, un edificio inutilizzato, sarà dato in gestione ad una onlus, la Ubuntu. I migranti non arriveranno subito ma forse tra qualche mese, ragion per cui la Onlus e la parrocchia hanno deciso di informare gli abitanti della frazione per “renderla partecipe di quello che potrebbe accadere”.

Il medico che rifiuta di curare i razzisti che non vogliono i profughi

Ovviamente, come spesso accade, i residenti non sono per nulla favorevoli all’arrivo dei profughi. Questo anche se si tratta di appena 24 richiedenti asilo e la struttura è di proprietà della Curia che quindi ne può disporre come crede. Nei giorni successivi all’annuncio il Comitato di quartiere ha protestato contro l’arrivo dei migranti. Qualcuno però è andato oltre e ha distribuito in forma anonima un volantino dove è scritto “Questo non è un consiglio, è una minaccia, noi i negri non li vogliamo“.
roata canale cuneo profughi medico - 1
Una reazione violenta, razzista e di totale chiusura come già ne abbiamo viste in altre parti d’Italia. La differenza però con i fatti di Quinto di Treviso o con quelli di Goro è che qui la cittadinanza è stata coinvolta con largo anticipo prima dell’arrivo dei profughi. Inoltre non è “lo Stato” a mandare i profughi ma la Curia ad accoglierli. Chi reagisce in questo modo molto probabilmente è uno di quelli che invita buonisti e preti “ad ospitarli a casa loro”.

La resistenza del medico contro i razzisti di Roata Canale

Corrado Lauro è un medico del reparto di Chirurgia generale dell’Aso Santa Croce e Carle di Cuneo e ha deciso di dare una lezione ai razzisti che non vogliono i profughi. Come si è capito da un incontro con il Vescovo di Cuneo non si tratta di una o due persone ma della posizione di quasi tutti i 400 abitanti della frazione. Lauro ha scritto su Facebook di aver intenzione di non voler prestare loro “alcun intervento sanitario in elezione se non in caso di immediato rischio vita o qualora si configurassero le condizioni di una denuncia per il reato di omissione di soccorso”. Insomma, se gli abitanti della frazione cuneese non vogliono accogliere i profughi allora lui non accetterà pazienti provenienti da Roata Canale.

roata canale cuneo profughi medico - 2
Giuseppe Menardi (terzo da sx) con Giorgia Meloni [Fonte: Facebook.com]
Il  comitato elettorale del candidato sindaco di Cuneo Giuseppe Menardi, sostenuto da Fratelli d’Italia e Lega Nord, ha scritto una lettera dove si augura che «l’Ordine dei Medici e il Direttore della Asl di Cuneo prendano seri ed immediati provvedimenti nei confronti di questo “medico”». Lettera dove si definisce Lauro “medico ideologizzato che arriva a tradire il giuramento di Ippocrate”. Lauro si difende spiegando di non aver violato il giuramento d’Ippocrate:

Non sono nelle condizioni di creare un patto terapeutico con queste persone: io lavoro prettamente con pazienti oncologici con cui stabilisco un patto empatico. Poiché il mio lavoro è dettato da agire di tipo filantropico, questo tipo di empatia non posso stabilirla con chi manifesta chiare posizioni di tipo razzista. Lo dico nell’interesse del paziente stesso. Ma ribadisco: un conto è avere posizioni diverse, un altro è concepire un volantino di quel tipo.

l presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Cuneo Salvio Sigismondi ha fatto sapere che «È deontologicamente previsto il rifiuto della cura per il medico pubblico dipendente in regime di libera professione» ma che ogni caso l’Ordine prenderà in esame la posizione del dottor Lauro.
Foto di copertina credits Targatocn.it