Politica

Il divieto di sbarco a Ischia per i residenti in Lombardia e Veneto e per i cinesi dall’Hubei

Nell’ordinanza i sindaci sottolineano l’elevato volume di arrivi turistici sull’isola anche nel periodo invernale, e le difficoltà che comporterebbe dover fronteggiare casi di contagio in un territorio come quello ischitano, che dispone di un solo ospedale ed è svantaggiato dal punto di vista dei collegamenti. Intanto due in osservazione in Liguria

Divieto di sbarco sull’isola di Ischia per i residenti in Lombardia e in Veneto, per i cittadini cinesi provenienti dall’aree dell’epidemia e per chi vi abbia soggiornato negli ultimi 14 giorni. Lo prevede, fino al 9 marzo, una ordinanza appena firmata dai sindaci dei sei comuni dell’isola.

Il divieto di sbarco a Ischia per i residenti in Lombardia e Veneto e per i cinesi dall’Hubei

Nell’ordinanza i sindaci sottolineano l’elevato volume di arrivi turistici sull’isola anche nel periodo invernale, e le difficoltà che comporterebbe dover fronteggiare casi di contagio in un territorio come quello ischitano, che dispone di un solo ospedale ed è svantaggiato dal punto di vista dei collegamenti. Il divieto di accesso temporaneo, secondo quanto scrivono i sindaci, dovrebbe essere fatto rispettare da “polizia municipale e forza pubblica”, mentre “le competenti autorità sanitarie locali” dovrebbero realizzare “presidi sanitari prima degli imbarchi per l’isola”. Al momento non è ancora chiaro però come possa avvenire il ‘filtro’ sulla terraferma, poiché agli imbarchi sono tenuti a presentare un documento di identità solo i residenti ischitani che vogliano fruire delle agevolazioni tariffarie in vigore.

mappa contagi coronavirus piemonte lombardia lazio veneto emilia romagna
La mappa dei contagi da coronavirus nelle regioni italiane (La Repubblica, 23 febbraio 2020)

Intanto ci sono altri due cittadini in Liguria in isolamento fiduciario, oltre agli sbandieratori di Levanto e la residente di Albenga che ha rapporti di parentela con un cittadino piemontese. Lo ha detto il governatore Giovanni Toti al termine del vertice con i prefetti liguri, Anci e Protezione civile. I due cittadini sono la prima rientrata a Rapallo (Genova) da Codogno la seconda è di Lerici (La Spezia), e proviene dall’area di contagio della Lombardia. Toti ha confermato che non ci sono casi conclamati di Coronavirus in Liguria. Secondo quanto appreso, in queste ore la cittadina che dimora a Rapallo e alla quale era stato chiesto l’isolamento fiduciario è rientrata a Codogno. “Stiamo predisponendo un’ordinanza che preveda alcune elementari precauzioni” ha detto Toti che ha sottolineato che la decisione del rettore di chiudere le attività dell’ateneo di Genova sia stata “unilaterale”.

Leggi anche: Le scuole chiuse per il coronavirus