Economia

Coronavirus: Carlo Cottarelli e il piano da 36 miliardi in deficit

I conti sono facili: per evitare una recessione, l’Europa avrebbe bisogno di un’espansione fiscale da almeno due punti di Pil, che sono per l’Italia 36 miliardi di euro. «Ma il deficit va fatto quando il colpo è forte, come accade ora»

spending review cottarelli download

Carlo Cottarelli rilascia oggi un’intervista a Gianni Trovati sul Sole 24 Ore per dire che all’Italia serve piano in deficit da 36 miliardi finanziato con eurobond. I conti sono facili: per evitare una recessione, l’Europa avrebbe bisogno di un’espansione fiscale da almeno due punti di Pil, che sono per l’Italia 36 miliardi di euro. «Ma il deficit – spiega – va fatto quando il colpo è forte, come accade ora».

Quale risposta dovrebbe arrivare dall’Europa?
Bisogna considerare che anche prima del Coronavirus l’economia europea nel suo complesso stava registrando un rallentamento, e che gli effetti dell’epidemia riguarderanno tutto il continente. In contesti come questi l’unica risposta possibile è un vasto programma di spesa in deficit, finanziato dal bilancio dell’Unione.

Unione che però sul nuovo budget si è incagliata nella consueta battaglia dei decimali.
Infatti sto parlando di ciò che dovrebbe succedere, non dico che sicuramente accadrà. Le cose però cambiano in fretta e la dimostrazione arriva dall’esperienza del 2008-2009. In quell’occasione anche i Paesi che oggi si definiscono frugali, in aggiunta all’aumento automatico del deficit dovuto alla recessione, fecero un’espansione fiscale intorno ai due punti di Pil. Oggi bisogna prendere la stessa decisione, per finanziare per esempio un programma straordinario di investimenti infrastrutturali.

Gli eurobond possono essere uno strumento dl finanziamento adeguato?
Sì, servirebbe anche a creare un safe asset europeo. Gli eurobond potrebbero essere comprati anche dalla BCE col suo programma di Quantitative Easing. Ma li potrebbe comprare anche il mercato, anche a tassi negativi se l’Unione si dimostra in grado di mettere in atto un intervento credibile. Non fa molta differenza La Bce potrebbe anche abbassare i tassi come ha fatto pochi giorni fa la Fed, ma ora è la politica fiscale più di quella monetaria a dover intervenire.

numeri coronavirus 10 marzo 2020

Se l’Europa non si sblocca, cosa può fare l’Italia da sola?
Se l’Unione non concedesse spazi fiscali aggiuntivi dovremmo andare da soli a cercarceli sul mercato, ma la strada è molto complicata. Perché a differenza di altri Paesi noi non abbiamo sfruttato l’ultima fase di relativa tranquíllità per sistemare i conti pubblici e avviare davvero la riduzione del debito, per cui ci presentiamo “scoperti” allo shock economico del Coronavirus. I Paesi del Nord hanno invece rimesso in ordine subito le loro finanze pubbliche, è proprio per questo oggi avvertono meno l’esigenza di un intervento europeo perché possono agire da soli. Noi no. Noi Se ci muoviamo da soli, dobbiamo sperare che i mercati restino tranquilli.

C’è il rischio che gli interessi sul titoli di Stato tornino a volare?
Fino a venerdì in realtà l’aumento dello spread è stato determinato in buona parte dall’abbassamento dei rendimenti dei titoli tedeschi, oggetto di una pioggia di acquisti nella classica ricerca del bene rifugio che scatta nei momenti di incertezza. Oggi c’è stato un rialzo, ma siamo ancora a livelli sostenibili. Se però i tassi salissero al 3-4% perché l’Italia va da sola in un programma in deficit le cose si complicherebbero.

Leggi anche: Autocertificazione per gli spostamenti in zona protetta: come funziona e quando serve