Politica

La contestazione contro Walter Rizzetto a urla e sputi al Nazareno (con video)

Sputi e urla contro l’ex deputato del MoVimento 5 Stelle Walter Rizzetto, che oggi insieme ad altri otto ha annunciato l’addio ai grillini e in serata faceva parte della delegazione di ex 5 Stelle che doveva incontrare il Partito Democratico al Nazareno. Un video pubblicato su Facebook racconta una piccola parte dell’accaduto. La contestazione era annunciata ma forse non di questa portata: quando Rizzetto è arrivato sotto la sede del Nazareno i militanti M5S si sono scatenati al punto da impedirgli di varcare la soglia del Pd per incontrare Matteo Renzi. “Venduto”, l’insulto più gettonato con Rizzetto che è stato letteralmente costretto a rinunciare ad entrare nella sede del Pd. «I grillini aggrediscono i parlamentari usciti oggi per impedirgli di confrontarsi sul Quirinale. Squadristi a 5 stelle», scrive Matteo Orfini presidente del PD su Twitter. «Capisco la rabbia ma non posso accettare l’imposizione fisica», ha commentato Rizzetto successivamente.

Foto da su Twitter
Foto da @malabruzzi su Twitter

Ma anche dopo il dietrofront la contestazione non si è placata: i militanti M5S hanno continuato a insultare Rizzetto per tutto il tragitto fino a largo Chigi che l’ex deputato grillino è riuscito a percorrere solo scortato da numerosi agenti di polizia. “Dopo essere passato al gruppo Misto, e dopo essere stato scortato dalla polizia per un incontro con Matteo Renzi, Rizzetto e company possono di diritto essere definiti casta. I cittadini pretendono coerenza, non opportunismo! I cittadini vigilano sui propri portavoce” perché “noi siamo #antropologicamentediversi”. Lo scrive su Facebook il deputato M5S, Gianluca Vacca. Questo video è stato hostato su Facebook:

Il video è pubblicato su Facebook e Twitter da Andrea Spinosi Picotti, che sul suo profilo scrive di lavorare per la comunicazione web nel Partito Democratico. Secondo i racconti, non appena Rizzetto è comparso sulla soglia della sede nazionale del Pd, dove sono in corso le consultazioni dei partiti per l’elezione del Presidente della Repubblica, i contestatori hanno cominciato a gridare «traditore» e «vergogna» al deputato che si è trovato costretto a tornare sui suoi passi. I militanti grillini, però non si sono dati per vinti e hanno ingaggiato un inseguimento terminato solo nei pressi del Parlamento. Un altro video, pubblicato dalla pagina M5S Roma 1:

Un terzo video di un militante M5S:

Questo il tweet della deputata a 5 Stelle Laura Castelli:


Altri tweet sparsi:


rizzetto sputi