Economia

Come Roma è diventata una discarica

neXt quotidiano|

roma discarica

I cittadini della Valle Galeria dovrebbero essere contenti: è evidente che la discarica di Monte Carnevale non si farà. Perché grazie all’AMA che incassa una delle tariffe rifiuti più alte d’Italia in questi giorni è tutta Roma ad essere diventata una discarica. A cielo aperto.

Come durante l’Epifania Roma è diventata una discarica

In queste ore in cui si festeggia l’epifania sono centinaia le segnalazioni su rifiuti non raccolti nella Città Eterna, che dovrebbe essere il vanto in quanto Capitale del paese.

roma discarica 1

La situazione è talmente insostenibile che c’è chi segnala i tre e più metri di altezza che hanno raggiunto i rifiuti.

E arrivano indistintamente da tutti i quartieri, sia quelli del centro che quelli della periferia:

roma discarica 2

La situazione è talmente drammatica che ci sono interi marciapiedi invasi dai rifiuti:

roma discarica 3

C’è chi dice di aver anche chiamato l’AMA, ovviamente senza risultati.

roma discarica 5

Molte segnalazioni arrivano dalla zona Monteverde-Gianicolense, dove c’è chi parla di emergenza sanitaria.

L’AMA senza mezzi

Il Messaggero ha raccontato oggi che nonostante a Roma si paghi la tariffa rifiuti più alta d’Italia, attualmente l’AMA si trova senza mezzi: gli impianti in questo momento funzionano tutti, ma la spazzatura non viene raccolta dai secchioni perché la municipalizzata dei rifiuti, oggi guidata da Stefano Zaghis dopo i millemila cambia al vertice della Giunta Raggi, non ha abbastanza camion. O meglio: l’Ama ha 281 mezzi pesanti. Quelli cioè che si occupano di svuotare il grosso dei cassonetti, con la maggior capienza. Su 281, in 201(il 71,5 per cento) ha più di diecianni d’età. Anzi, in 137 hanno addirittura tra i 13 e i 15 anni. Non si fatica a credere allora che di media, in questi primi giorni del 2020, solo il 52 per cento della flotta sia effettivamente su strada.

ama mezzi

Ma se AMA non ha i mezzi ma incassa una TARI così alta, perché non li compra? Non li compra perché AMA deve pagare per smaltire i rifiuti in Italia e all’estero. Ma almeno il bilancio è stato approvato, chiederete voi? No, l’ultimo bilancio approvato da AMA è quello del 2016. Il successivo è fermo perché da tre anni il Comune non vuole riconoscere i soldi dei crediti cimiteriali che secondo AMA il Campidoglio dovrebbe pagare. Il MoVimento 5 Stelle ha cambiato gli amministratori che non volevano “abbuonare” il credito al Comune, ne ha nominati altri che hanno fatto poi la stessa cosa di quelli cacciati. Zaghis, l’ultimo arrivato, aveva promesso la chiusura del bilancio 2017 entro il 2019. Siamo nel 2020 e nulla è stato ancora fatto.

Leggi anche: Rula Jebreal racconta perché è stata esclusa da Sanremo