Economia

Come cambiano le detrazioni Irpef

detrazioni irpef

Le detrazioni Irpef solo ai redditi più bassi. Il governo, secondo quanto scrive Mario Sensini sul Corriere della Sera, starebbe pensando a un ritocchino dei parametri per far quadrare i conti in vista del DEF e della Legge di Stabilità.

Sempre per le imprese si starebbe studiando il rafforzamento dell’Ace, il meccanismo che aiuta la capitalizzazione,mentre sembra difficile un’estensione della platea dei beneficiari del bonus Irpef, e perde quota anche l’idea di inserire in busta paga una parte del Tfr. Sul fronte dei tagli, pubblicati ieri i nuovi prezzi «benchmark» della Consip per gli acquisti dei beni e servizi della pubblica amministrazione, si starebbero valutando i possibili risparmi sulla sanità con l’introduzione di un parametro di reddito per la detrazione Irpef del 19% delle spese.

detrazioni irpef
La nota di aggiornamento al DEF dovrebbe arrivare mercoledì. In ogni caso la nuova caduta del prodottointerno lordo dovrebbe spingere l’esecutivo a rinviare il pareggio effettivo di bilancio al 2017,evitando una manovra correttiva pesante nel prossimo anno:su una manovra lorda da poco più di 20 miliardi, per la riduzione del deficit sarebbero destinati circa 4 miliardi. Cattive notizie invece per chi aspettava gli 80 euro:

Il bonus di 80 euro sarà confermato, ma molto difficilmente allargato a partite Iva o ai pensionati. Anchese i dati Inps-Istat confermano che in molte regioni, soprattutto del Sud, la pensione è tra le principali fonti di reddito (in Calabria arrivano al 21,8% del pil). Nel 2012 la spesa per lepensioni è cresciuta dell’1,8% a270 miliardi. In media le piùelevate sono in Lazio (19.163 euro),le più basse in Basilicata(13.858 euro). Nel Nordovest lepensioni di vecchiaia sono il60%, quelle assistenziali il 13%.Nelle isole quelle di vecchiaianon arrivano al 40% del totale, equelle assistenziali giungono al27,7%.