Politica

Clausola di salvaguardia IVA: perché l’intesa con l’UE ci costa 38 miliardi

giuseppe conte

Le parole magiche sono clausola di salvaguardia IVA: grazie al meccanismo che prevede l’aumento dell’Imposta sul Valore Aggiunto il Governo dell’Avvocato del Popolo Giuseppe Conte ha ottenuto dall’Europa l’ok alla Manovra del Popolo. Ma è importante soprattutto il prezzo che è costato l’accordo: il conto totale ammonta a 38 miliardi di euro.

Clausola di salvaguardia IVA: perché l’intesa con l’UE costa 38 miliardi

Le variazioni alla manovra prevedono un risparmio di spesa di circa 38 miliardi spalmati sul prossimo triennio. I risparmi saranno pari a 10,2 miliardi nel 2019, a 12,2 miliardi nel 2020 e a 15,9 nel 2021. Anche le stime di crescita del PIL sono state riviste al ribasso e le nuove previsioni di crescita ipotizzano un aumento della ricchezza dell’1% per il prossimo anno e dell’1,1% nei due anni successivi. Per realizzare i risparmi di spesa previsti per quest’anno (2,7 miliardi dalle pensioni e 2 miliardi dal reddito di cittadinanza) verranno introdotte le «finestre» per il pensionamento e un tetto Isee e di 5.000 euro sul conto in banca per il reddito di cittadinanza. Altri risparmi verranno dalla creazione di un fondo di accantonamento di 2 miliardi di euro e da un taglio di 2,2 miliardi agli investimenti. Queste misure permetteranno un risparmio complessivo di circa 8,9 miliardi. Per arrivare alla correzione del saldo di bilancio di 10,2 miliardi è previsto un gettito di 0,5 miliardi di euro dall’introduzione della web tax, di 0,5 miliardi dalla tassa sui giochi e di 0,3miliardi dai tagli alle pensioni d’oro e agli incentivi alle imprese.

clausola di salvaguardia iva
Come è cambiata la Manovra del Popolo (La Repubblica, 20 dicembre 2018)

Nel 2020 dovranno aggiungersi altre misure, perché la sforbiciata rispetto alla versione originale della manovra sale a 12,2 miliardi, e altre nel 2021, quando ne serviranno 15,9. Oltre all’eventuale sterilizzazione dell’Iva che scatterà nel 2020, portando l’aliquota fino al 26,5% nel 2021. Ma non basta, perché bisogna anche tagliare il debito: i 18 miliardi di dismissioni preventivate, obiettivo già molto ambizioso, diventano 19 per il prossimo anno.

24 miliardi di aumenti IVA da evitare

A fine 2018 quindi la maggioranza di governo sa che dovrà in qualche modo reperire la cifra-monstre di 24 miliardi di euro per scongiurare gli aumenti dell’IVA e sterilizzare le clausole di salvaguardia. L’alternativa è l’aumento dell’imposta più importante sui consumi, con conseguente (e probabilissimo) crollo dei settori dell’economia più esposti al problema. Si parla di un aumento non di due, ma almeno di tre o quattro punti: è stato concordato infatti un rafforzamento delle clausole di salvaguardia che passano per il 2020 dalla attuale e prevista cifra di 13,7 miliardi a 23,1 miliardi e nel 2021 da 15,6 a 28,7 miliardi. O li troveremo o aumenterà l’Iva.

accordo manovra tagli
L’accordo sulla Manovra: i tagli (Il Sole 24 Ore, 20 dicembre 2018)

Spiega oggi Il Sole 24 Ore che a offrire i numeri precisi sono le tabelle allegate alla lettera a Bruxelles. Rispetto alla versione di ottobre, l’Iva cresce di 9,41 miliardi nel 2020 e di 13,183 nel 2021. Sommati alle clausole che erano ancora presenti nella vecchia manovra, significa che il tutto poggia su aumenti da 51,9 miliardi in due anni (22,9 il primo e 29 il secondo). Si tratta di un’incognita pesante sui saldi, di cui Bruxelles ha scelto di tenere conto a differenza del passato. Proprio la freddezza europea sulle clausole, fin qui bloccate dall’Italia, ne aveva evitato l’inserimento nel primo dossier mandato alla commissione. Ma la mossa si è poi rivelata indispensabile per far quadrare i conti almeno sulla carta.

Leggi sull’argomento: Cosa c’è nell’accordo sulla Manovra (e perché il governo non ve lo spiega)