Politica

Ciro Maschio, il deputato di Fratelli d'Italia che posta una foto machista nudo nella neve

@neXt quotidiano|

ciro maschio

Nudo in terrazza, con i piedi nella neve, le braccia larghe e sullo sfondo le montagne: Ciro Maschio, deputato di Fratelli d’Italia, vicepresidente della Giunta delle elezioni della Camera e componente della commissione Giustizia – nonché ex coordinatore regionale del partito di Giorgia Meloni – ha pubblicato sul suo profilo Instagram una foto che sta facendo discutere. “Non fa freddo, non fa freddo!”, ha scritto mostrando la sua capacità di sopportazione delle basse temperature.

Ciro Maschio, il deputato di Fratelli d’Italia che posta una foto machista nudo nella neve

Da giovane, Maschio frequentava il Movimento Sociale Italiano, per poi diventare segretario provinciale del Fronte della Gioventù. Dal 1998 al 2002 è stato consigliere comunale a Verona con Alleanza Nazionale. Fu rieletto nel 2007 a sostegno del sindaco Flavio Tosi, e rieletto nel 2012 con la lista Tosi per Verona. In Fratelli d’Italia dalla costituzione del partito nel 2013, come accennato per tre anni ne è stato responsabile regionale. Come riporta il Fatto Quotidiano, si è già parlato di lui in passato. Da presidente del consiglio comunale venne fuori che non aveva saldato circa cento multe per infrazioni del codice della strada, per un totale di 16mila euro. Pagò dopo che la vicenda divenne pubblica, rilanciata dai media. Le opposizioni si chiesero come fosse possibile che nessuno gliene avesse mai chiesto conto.

Sul fronte politico, il centrodestra a Verona è in cerca di un accordo per le elezioni comunali che dovrebbero tenersi nella tarda primavera di quest’anno. Non c’è ancora unione d’intenti sul nome di Federico Sboarina. Dall’altro lato dello schieramento c’è Damiano Tommasi, ex calciatore e presidente dell’Associazione italiana calciatori, che si è detto disponibile a essere il candidato sindaco di una coalizione di centrosinistra. Una mossa accolta con favore dal PD e da Azione, in attesa di capire il parere del Movimento 5 Stelle.