Attualità

Ciro Grillo, la perquisizione nella villa di Beppe a Bibbona

ciro grillo beppe grillo stupro 1

Villa Corallina, sulla spiaggia di Marina di Bibbona in Toscana, entra nell’inchiesta sul presunto stupro in cui è coinvolto Ciro Grillo, il figlio di Beppe Grillo. Lì, lo scorso 18 agosto si è deciso al termine di un vertice – erano presenti tra gli altri anche il ministro Luigi Di Maio e il presidente della Camera Roberto Fico – di mettere fine al governo giallo-verde con la Lega di Salvini. E proprio Villa Corallina è entrata nelle scorse settimane nell’inchiesta sulla presunta violenza di gruppo per cui sono indagati in Sardegna il figlio di Grillo, Ciro, e i suoi tre amici genovesi: Vittorio Lauria, Francesco Corsiglia e Edoardo Capitta. Racconta oggi Il Secolo XIX:

Perché proprio nella dimora a dieci chilometri da Cecina, nel cuore della provincia di Livorno, il 29 agosto scorso si sono presentati i carabinieri della compagnia di Duomo Milano. I militari hanno bussato al campanello della villa di Beppe e sono entrati dal cancello di legno che dalla spiaggia porta all’abitazione con piscina. In mano avevano un decreto di perquisizione firmato dai pubblici ministeri della Procura di Tempio Pausania Gregorio Capasso e Laura Bassani che conducono le indagini. Il documento giudiziario era diretto a Ciro Grillo, figlio del comico e campione italiano di savate che, proprio, in Toscana stava trascorrendo qualche giorno di vacanza insieme al papà Beppe e alla mamma Parvin Tadjik,.

ciro grillo beppe grillo stupro

Nell’informarlo – dopo la denuncia della studentessa norvegese – dell’indagine a suo carico per violenza sessuale di gruppo aggravata dall’abuso di alcol, disponeva il sequestro del suo iPhone. Contemporaneamente lo stesso blitz veniva condotto dai carabinieri a Genova nelle abitazioni degli altri tre indagati. Perché i militari erano certi che negli smartphone dei quattro studenti genovesi ci fosse il filmato che riprendeva il rapporto sessuale a quattro al centro dell’indagine.

Leggi anche: La caccia alle chat di Ciro Grillo e degli amici accusati di stupro