Fatti

Il ristoratore che si lamenta perché i giovani chiedono il monte ore e lo stipendio per lavorare | VIDEO

L’intervista fatta a Nicola Ferrelli è stata mandata in onda martedì 1 giugno dal TGR Lombardia. Da quel momento una pioggia di insulti, con Tripadvisor costretta a chiudere la sezione recensioni

Nicola Ferrelli

Con l’innocenza di chi pensa di star facendo un ragionamento razionale e inattaccabile, Nicola Ferrelli si è presentato davanti alle telecamere del TGR Lombardia per dire la sua sulle riaperture e sul rapporto tra i giovani e il mondo del lavoro nella ristorazione. Lui, imprenditore del mondo food con un locale molto noto e apprezzato in quel di Milano, ha “denunciato” la difficoltà di trovare nuovi lavoratori. Non perché ci sia poca domanda rispetto all’offerta, ma per quelle che lui giudica come pretese assurde (in linea con le polemiche sul reddito di cittadinanza). Il tutto è riassunto in questo video.

Nicola Ferrelli, il ristoratore di Milano che si lamenta con chi chiede lo stipendio per lavorare da lui

Questo estratto fa parte di un servizio mandato in onda da TGR Lombardia (qui è disponibile tutta l’edizione delle 14, con Nicola Ferrelli che parla attorno al minuto 2′ e 25”) lo scorso 1 giugno, giorno in cui i ristoratori hanno potuto riaprire i propri tavoli anche all’interno dei loro locali. “È molto molto difficile trovare personale. Metti l’annuncio, ma è difficilissimo. Ti chiedono quante ore devi fare, quanti soldi mi dai. Cominciano così”. Secondo il ristoratore, titolare di un noto locale di Milano, molto apprezzato, ritiene assurde le pretese dei giovani che rispondo agli annunci di lavoro. Insomma, chiedere il monte ore e la paga è un qualcosa che, secondo lui, non dovrebbe esser fatto.

Ma questo filmato, nel giro di pochi giorni, è diventato virale provocando alcune conseguenze visibili sulla pagina del locale di Ferrelli su Tripadvisor (noto portale di recensioni).

“A causa di un evento recente che ha attirato l’attenzione dei media e causato un afflusso di recensioni che non descrivono un’esperienza in prima persona, abbiamo temporaneamente sospeso la pubblicazione di nuove recensioni per questo profilo. Se hai avuto un’esperienza diretta presso questa struttura e vuoi lasciare un contributo, riprova a breve. Non vediamo l’ora di ricevere la tua recensione”. Quella pagina, dunque, era stata presa d’assalto di chi – pur non avendo frequentato il locale – aveva rilasciato recensioni negative dopo quella dichiarazione in diretta televisiva.

(foto: da TGR Lombardia)