Fatti

Chi aveva puntato tutto sulla vittoria del centrodestra a Torino, e perché proprio Adinolfi? | VIDEO

neXt quotidiano|

Adinolfi

Era convinto. Convintissimo. Certo che quei 1.300 voti conquistati al primo turno (lo scorso 3 e 4 ottobre) avrebbero rappresentato la leva per sollevare le sorti del centrodestra in quel di Torino. E invece – nonostante l’appoggio di Mario Adinolfi alla larghissima coalizione con Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia -, Paolo Damilano non è riuscito a vincere il ballottaggio contro Stefano Lo Russo e dopo cinque anni di amministrazione pentastellata (sotto la guida di Chiara Appendino), la città della Mole torna nelle mani del Centrosinistra.

Adinolfi era convinto che i suoi voti avrebbero fatto vincere Damilano a Torino

Solo qualche giorno fa, in collegamento con TorinoOggi, il leader del Popolo della Famiglia aveva palesato una grandissima sicurezza, sostenendo che i voti ottenuti dal suo partito al primo turno sarebbero stati decisivi anche al ballottaggio. Ma il suo presagio, le sue aspettative e il suo vaticinio si sono scontrati con il risultato elettorale.

Un 60 a 40, in pratica. Ma in favore di Stefano Lo Russo. Quella manciata (1.300 preferenze rispetto agli aventi diritto al voto) di consensi ottenuto al primo turno dal Popolo della Famiglia non sono stati utili al centrodestra per conquistare il cuore dei cittadini del capoluogo piemontese. Nonostante le certezze di Mario Adinolfi che, pochi giorni prima del ballottaggio, aveva sentenziato: “Quasi nessuno ci pensa, ma domenica si vota di nuovo. Siamo in campo come Popolo della Famiglia per far vincere al ballottaggio i sindaci che abbiamo sostenuto al primo turno. La sfida più importante è a Torino dove sono convinto che i nostri 1.300 voti saranno decisivi per la rimonta di Paolo Damilano”. Niente rimonta, però, e il candidato del centrodestra si è fermato al palo. Poco più del 40%, mentre il centrosinistra sfiora quel 60% che riconsegna nelle sue mani l’amministrazione sotto la Mole. Nonostante l’endorsement di Mario Adinolfi. Nonostante i suoi 1.300 voti al primo turno.

(foto e video: da TorinoOggi)