Fatti

Il motivo per cui la figlia di Gino Strada non era con lui quando è morto farebbe felice suo padre

Cecilia Strada ha ricevuto la notizia della morte di suo padre, Gino Strada, mentre stava operando con la Ong ResQ

Cecilia Strada

Non era con suo padre nei suoi ultimi istanti di vita, ma era a fare quel che gli lui gli ha insegnato per tutta la vita: salvare vite umane. La morte improvvisa di Gino Strada è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Il fondatore di Emergency, come spiegato da Il Corriere della Sera, soffriva da tempo di problemi cardiaci. Ma nulla poteva far pensare al suo decesso. Ed è anche per questo motivo che Cecilia Strada, figlia del medico e attivista di Sesto San Giovanni, è stata raggiunta dalla tragica notizia mentre si trovava lontano da casa.

Cecilia Strada ricorda il padre Gino Strada mentre è in missione con la Ong

E il ricordo della figlia di Strada è ancora più commovente. Un breve post social in cui ricorda gli insegnamenti del padre, ringrazia tutte le persone che in queste ore tristi stanno esprimendo dolore e condoglianze per la perdita di un grande uomo, e e in cui spiega cosa stava facendo nei momenti in cui è arrivata la notizia della morte del padre.

“Amici, come avrete visto il mio papà non c’è più. Non posso rispondere ai vostri tanti messaggi che vedo arrivare, perché sono in mezzo al mare e abbiamo appena fatto un salvataggio – ha scritto Cecilia Strada sulla sua pagina Facebook -. Non ero con lui, ma di tutti i posti dove avrei potuto essere… beh, ero qui con la ResQ – People saving people a salvare vite. È quello che mi hanno insegnato mio padre e mia madre. Vi abbraccio tutti, forte, vi sono vicina, e ci sentiamo quando possiamo”.

Era in mare, a salvare vite umane. Come insegnato da suo padre Gino e da sua madre Teresa Sarti. Perché suo papà è stato un uomo che ha dedicato la sua vita alla tutela, alla salvaguardia e al salvataggio di vite umane. Questo era lo spirito che ha portato alla nascita di Emergency. Perché era sì il padre di Cecilia Strada, ma anche di tutti quei volontari che ogni giorno dedicano la loro vita a salvare quella degli altri.

(Vincenzo Bruni/IPP)