Fact checking

Il M5S e la vignetta del disegnatore spagnolo Eneko

carlo sibilia eneko vignetta podemos - 6

Carlo Sibilia ieri ha postato una vignetta dove graficamente illustra lo sforzo del MoVimento 5 Stelle nel cambiare il Paese. Non è la battaglia di pochi, ci vuole dire il deputato pentastellato, ma quella di molti cittadini che lottano per cambiare lo status quo. E cosa c’è di meglio, ci fa capire Sibilia, che votare un partito fatto di ggente che dal basso (e da fuori le istituzioni) si dà da fare per il bene di tutti gli italiani? Cittadini onesti che si riprendono il Parlamento e il Paese. Manca solo un ultimo sforzo, le elezioni del 4 marzo.

Se il M5S prende la vignetta di Podemos

Ecco che Sibilia riesce da par suo a condensare tutti questi concetti in un’immagine. Forza Italia e Partito Democratico che schiacciano il popolo, opprimendolo con il loro innaturale bipolarismo fino a che dal basso non scaturisce una forza, un movimento che spinge per entrare in Parlamento e costringe le vecchie forze politiche, la casta, in un angolo. Quel partito è ovviamente il MoVimento 5 Stelle e Sibilia racconta la vicenda  dei cittadini scelti in Rete con un paio di click: un “MoVmento di persone, in cui ciascuno avrà un peso”.
carlo sibilia eneko vignetta podemos - 1
Insomma è il solito meme da campagna elettorale che infatti è stato prontamente ripreso dalla pagina ufficiale del M5S. Un meme che ha rimediato qualche sfottò visto che – come fa notare qualcuno – sembra esserci un po’ troppo multiculturalismo in quel Popolo che si leva contro i servi della kasta. Non è che improvvisamente il M5S è a favore dello Ius Soli (in teoria hanno presentato una proposta di legge pure loro) e dell’immigrazione?
carlo sibilia eneko vignetta podemos - 3
C’è anche un altro problema. Nell’immagine non è presente la firma dell’autore della vignetta. L’originale è di un disegnatore spagnolo di nome Eneko las HerasNon è chiaro se Sibilia lo sapesse o no prima di postare il disegno, però anche se è stato fatto notare l’immagine è ancora lì.carlo sibilia eneko vignetta podemos - 2.
Non solo: la vignetta era già stata utilizzata nel 2015 da Podemos che scriveva: «Ci hanno detto che era impossibile. Ma abbiamo sempre saputo che la forza della gente è inarrestabile».


Senza dubbio tutto il mondo è paese e tutti i movimenti “dal basso” tendono a rappresentarsi allo stesso modo. E non ci sarebbe nulla di male se il lo M5S riconoscesse. Quello che stupisce è che non solo abbiano utilizzato una vignetta di un altro partito politico ma che abbiano preso una vignetta senza citarne la fonte. Quella che poteva essere una citazione o un omaggio diventa così un furto.