Uncategorized

Campagna Elettorale – La Serie – Episodio Ventidue

campagna elettorale - la serie

campagna elettorale - la serie

 

Grazie al sapiente utilizzo delle intercettazioni ambientali e alla telepatia, Next Quotidiano è riuscito a entrare in possesso di discorsi e dialoghi captati nelle sedi dei principali partiti e movimenti politici italiani. Ve ne proporremo uno al giorno, per tutto il periodo della campagna elettorale, come contributo alla verità e per dare modo ai lettori di farsi un’opinione informata sulle persone e sulle idee che andremo a votare.

Veltroni: È necessaria una riflessione ampia sulle prospettive di questo partito…
Renzi: Nevica!
Veltroni: Il PD è un progetto che non ha bisogno di essere ripensato, ma di venir tutelato, protetto, aggiornato, mantenuto in costante contatto con i suoi azionisti di riferimento, che sono gli elettori, i portatori di interessi legittimi…
Renzi: Nevica!
Il PD: È vero! Sta nevicando!
Veltroni: [si schiarisce la voce] Perché siamo qui? Esistono degli obblighi e degli obiettivi, in un partito e in un movimento riformista. Gli obblighi sono quelli di un’attenzione costante alla società, ai suoi bisogni, alle sue paure…
Renzi: Via, io esco [mette il giaccone].
Veltroni: Quello che ci succede intorno è ciò che ci definisce. La politica non è altro che lettura e sintesi degli avvenimenti sociali ed economici. Non possiamo stare fermi o parlare d’altro mentre intorno succedono delle cose importanti, che hanno ripercussioni sulla gente, sulla nostra gente…
Il PD: [mette il giaccone ed esce]

Veltroni: L’analisi è importante. La lettura politica è fondamentale. Ma devono essere analisi e letture della realtà, non di una sovrastruttura più o meno burocratica. Non dobbiamo, in altre parole, parlarci addosso. Occhi aperti! Partecipiamo alla vita del paese! Siamo forza attiva e presente!
Renzi [da fuori]: Occhio alle palle di neve, bu’aioli!
Il PD: [schiva]

Veltroni: Chiamarci fuori non è possibile. Discutere o addirittura rigettare le istanze degli elettori, anche quelle a prima vista più superficiali, sciocche, infantili, incomprensibili, ugualmente non serve a nulla e non è il mestiere della politica. [palle di neve si spiaccicano sui vetri dietro il podio dell’oratore; dai finestroni si vede il PD che si rotola e gioca nella coltre bianca] Quello che dobbiamo fare è dare attenzione e rispetto a tutti; tradurre poi in termini progressisti le pulsioni basilari, quasi primordiali, del popolo – non dobbiamo aver paura di dire popolo! – è compito necessario ma successivo. Prima di tutto c’è l’ascolto. Prima di tutto c’è la partecipazione. Prima di tutto, se vogliamo essere partito di massa, c’è la presenza…
L’eco del salone vuoto: …Senza…

— lo diciamo ai meno svegli che potrebbero equivocare: questo post è satira, la telepatia è una capacità ipotetica, non abbiamo apparecchi per le intercettazioni —

Leggi gli altri episodi di Campagna Elettorale – La Serie