Economia

La ridicola protesta dei politici italiani contro il braccialetto elettronico di Amazon

Amazon è – in quanto multinazionale – il simbolo per eccellenza dello sfruttamento dei lavoratori. Come per tutte le aziende di questo mondo a volte questo è vero, a volte no. Il caso della caciara di questi giorni sul terribile bracciale elettronico per “controllare i lavoratori a distanza” e “ridurli in schiavitù” rientra nella seconda casistica. La notizia in breve è questa: Amazon ha brevettato un sistema di sensori in grado di verificare se i magazzinieri stanno prelevando il prodotto corretto dagli scaffali.

A cosa serve il brevetto di Amazon

Il sistema di sensori, che sfrutta un meccanismo di triangolazione con altri sensori negli scaffali, potrà essere inserito in un braccialetto elettronico. Al momento però non esiste nessun braccialetto elettronico. Perché appunto Amazon ha solo depositato i brevetti necessari e non è nemmeno detto che il tanto temuto bracciale possa essere adoperato in futuro. Quello che è certo è che non sarà introdotto domani o in questi giorni per il semplice motivo che non esiste.

amazon braccialetto elettronico bufala -1
Lo schema del funzionamento del braccialetto [Brevetto Amazon via GeekWire]
Ora, chiunque abbia lavorato in un magazzino spedizioni (non esiste solo Amazon, anche i centri che riforniscono di medicinali le farmacie, ad esempio, hanno magazzini dove si lavora allo stesso modo) sa che per individuare i pezzi da imballare sugli scaffali si usano dei lettori di codici a barre a forma di pistola, oppure dei lettori che si applicano al polso piuttosto scomodi e pesanti. Insomma niente di nuovo sotto il sole perché il sistema non controlla i lavoratori, semmai li aiuta ad essere più produttivi ed efficienti limitando gli errori. Il bracciale non controlla i lavoratori in senso stretto, serve invece a controllare che il prodotto giusto finisca nel pacco corretto. Insomma in parole povere è uno strumento di lavoro e non ha nulla a che fare con la possibilità di controllo a distanza dei lavoratori introdotta dal Jobs Act nel 2015. Tant’è vero che nei magazzini i lettori di barcode vengono utilizzati da molto prima. Insomma sarebbe come lamentarsi dell’introduzione dell’avvitatore elettrico in sostituzione del cacciavite.

Le assurde dichiarazioni di politici e sindacalisti sul brevetto di Amazon

Succede però che siamo in campagna elettorale. E che il termine “braccialetto elettronico” evochi nelle menti degli italiani quello utilizzato per tenere sotto controllo i carcerati. Non è un caso che il Segretario della CGIL Susanna Camusso abbia commentato facendo del sarcasmo: «C’è anche la palla al piede? La notizia si commenta da sola». Carmelo Barbagallo, segretario generale Uil ha invitato a fare «scioperi 4.0 contro le multinazionali» mentre per Paolo Capone, segretario generale Ug il braccialetto è «Uno strumento schiavista che rischia di ledere fortemente la privacy dei lavoratori, poiché li sorveglia durante tutto il ciclo produttivo. In Italia, qualsiasi attività di controllo sul lavoro dei dipendenti è illegale».

amazon braccialetto elettronico boldrini bufala - 1

Sulla questione sono intervenuti anche i politici. Perché siamo in campagna elettorale ed oltre alla par condicio è in vigore anche la suspension of disbelief, la sospensione dell’incredulità che porta a credere a qualsiasi cosa. Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è intervenuto sulla vicenda dichiarando che «È facile declamare sui temi del lavoro, ma la sfida è il lavoro di qualità e non il lavoro con il braccialetto». La Presidente della Camera Laura Boldrini – che pure conduce una campagna contro le fake news – ha definito il braccialetto elettronico “modalità degradante e offensiva per dignità dei lavoratori”.

amazon braciale elettronico - 1

Matteo Salvini ha parlato di schiavismo e ha annunciato di aver chiesto un incontro con il direttore dello stabilimento Amazon “per andare a verificare se usino gli uomini e le donne come robot”. Salvini al contrario vuole “restituire dignità al lavoro”. Non si sa in che modo visto che è noto che lui non ha mai lavorato in vita sua.

amazon braccialetto elettronico partito comunista bufala - 1

Dalle parti del M5S si rinfaccia al PD di aver approvato la norma che consente il controllo a distanza dei lavoratori (che non ha nulla a che fare con il brevetto in oggetto). Oggi Luigi Di Maio è tornato sull’argomento dicendo che “Se in Italia si possono mettere dispositivi sui lavoratori per controllarli è grazie al Job acts e leggo agenzie del Pd che dicono ‘che ne dice Di Maio’. Io sono contro quel provvedimento che permette a aziende anche partecipate dallo Stato di mettere chip nelle scarpe dei lavoratori o i braccialetti controllare i dipendenti. È incredibile che il Pd che ha fatto la legge per mettere addosso i trasponder addosso agli esseri umani che adesso critichi Amazon”. Infine c’è il Partito Comunista che in nome dei diritti dei lavoratori chiede al Governo di “vietare subito l’utilizzo del braccialetto di Amazon in Italia”. A quando una proposta di legge condivisa da tutti i partiti politici per restituire la dignità agli elettori ed evitare di trattarli come completi imbecilli?

 

Foto copertina brevetto Amazon via GeekWire