Trend

Il dipendente dell’Inter aggredito da Bonucci al termine della Supercoppa italiana | VIDEO

Nervi tesi dopo il gol allo scadere dei tempi supplementari di Alexis Sanchez che ha assegnato il trofeo ai nerazzurri

Bonucci

Era a bordo campo da qualche istante, in attesa che il gioco si fermasse per poter entrare e poi partecipare alla lotteria dei rigori per assegnare la Supercoppa italiana. Ma il gol di Alexis Sanchez allo scadere dei tempi supplementari gli ha tolto quella possibilità, consegnando il primo trofeo dell’anno all’Inter. Un momento di rabbia, mentre il direttore di gara si accingeva a decretare la fine del match subito dopo quella rete decisiva. E Leonardo Bonucci si è “sfogato” aggredendo verbalmente e fisicamente un dipendente nerazzurro.

Bonucci aggredisce un dipendente dell’Inter dopo il gol di Sanchez

Fasi finali di una partita intensa che sembrava essere destinata all’epilogo dagli 11 metri. Poi l’errore clamoroso di Alex Sandro, l’intervento di Darmian e il gol di Alexis Sanchez. Il tutto mentre Leonardo Bonucci e la panchina della Juventus si stavano sbracciando – fino a qualche istante prima – affinché i bianconeri gettassero il pallone fuori dal campo per procedere al cambio. Perché Bonucci è uno dei rigoristi della Juventus. Ma la rete nerazzurra ha, di fatto, bloccato tutto con la Supercoppa finita nella bacheca della squadra di Simone Inzaghi.

E mentre gli interisti festeggiavano per quel gol decisivo, il difensore della Juventus ha avuto uno scontro verbale e fisico con un dipendente nerazzurro. Si tratta di Cristiano Mozzillo, segretario della prima squadra che stava seguendo il match da bordo campo. Urla e spintoni, concitati dal momento e dalla forte delusione per quel che era appena accaduto. Nel video mostrato in diretta da Canale 5 si vede Leonardo Bonucci scagliarsi contro il membro dello staff nerazzurro, puntando il dito, gridando e spingendolo con le mani. Ma la colpa per quella sostituzione mancata è dei suoi compagni di squadra che, non cogliendo il momento, non hanno consentito il suo ingresso in campo.

(foto e video: da Canale 5, Mediaset)